Enna, concorso Kiwanis sui diritti dei bambini. Premiati i ragazzi delle scuole primarie del capoluogo

“Essere bambini è un diritto…ma soprattutto essere bambini ‘felici’ è un diritto”. Con queste significative parole la presidente del Kiwanis Club di Enna, Nella Pavone, ha dato inizio alla cerimonia di premiazione dei ragazzi delle scuole cittadine in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti dei fanciulli, che si celebra in molti paesi del mondo nel giorno della ricorrenza dell’emanazione della bozza dei diritti dei bambini, approvata dalla commissione dell’ONU nella 45^ sessione dell’assise mondiale, il 20 novembre 1989. “Oggi più che mai la celebrazione riveste una valenza particolare perché dopo quasi 30 anni dalla promulgazione della Convenzione – ha detto la presidente Pavone nel suo discorso iniziale – in molti paesi i bambini continuano a morire per cause evitabili, non frequentano scuole, vengono abbandonati a loro stessi o sono sottoposti a violenza, abusi e sfruttamento, contro i quali non sono in grado di proteggersi con le sole proprie forze. Noi come adulti e kiwaniani – ha concluso – abbiamo il dovere d’intervenire portando il nostro aiuto ai bambini del mondo e soprattutto ai tanti minori del nostro territorio che vivono in condizioni di grave disagio”. Come è noto, il Kiwanis, con il motto internazionale “Serving The Children of the world” – (Aiutiamo i Bambini del Mondo), si occupa da decenni di tematiche sui disagi giovanili.

Alunni, docenti genitori, soci kiwaniani e ospiti hanno affollato l’Aula Magna dell’ I.C. Francesco Paolo Neglia di Enna Bassa, location scelta per la cerimonia di premiazione del concorso, bandito quest’anno dal Kiwanis Club di Enna, sul tema “I Diritti dell’Infanzia”. Alla cerimonia hanno partecipato il Luogotenente Governatore del Distretto Italia – San Marino, Divisione Sicilia5, Vincenzo Patti e il Chair divisionale per l’infanzia, Rino Arangio. Ai saluti di rito della dirigente scolastica dell’I.C. F.sco Paolo Neglia, Maria Sebastiana Adamo, e al preliminare discorso della presidente del Kiwanis, Nella Pavone, è seguita la relazione di Manuela Croce, psicologa e psicoterapeuta, che, da specialista ha intrattenuto l’uditorio – servendosi di slide proiettate su schermo – sulle diverse problematiche che vivono i bambini in età prescolare e scolare, mettendo in luce quali sono i diritti fondamentai dei bambini, facendo riflettere gli stessi sulla differenza fra desideri e reali bisogni, ed inoltre sui vari processi comportamentali degli adolescenti e delle famiglie nel campo psico-educazionale. “Spesso i diritti dei bambini  – ha concluso – vengono bistrattati specie in paesi dove sono sfruttati: 250milioni i bambini che lavorano e oltre 300mila i bambini-soldato. Anche nella nostra società i disagi dei bambini sono notevoli, a motivo anche della povertà”. E’seguita la premiazione dei tantissimi lavori dei ragazzi, selezionati dall’apposita commissione.

“Questa grande partecipazione – ha detto la presidente Nella Pavone – ha sancito il successo del Concorso di quest’anno, che è stato al di sopra delle più rosee aspettative”. Gli Attestati di Partecipazione sono stati consegnati a tutti i ragazzi, con le varie motivazioni, specificando classe e scuola di appartenenza. Tra i tanti elaborati esposti si notano: plastici, libri tematici, calendari dei diritti, cartelloni, presepi dei diritti e tantissimi disegni. Inoltre sono state premiati: alcune poesie molto significative sul tema dei diritti, un cortometraggio in Power Point e un Cartonato esaustivo sui diritti dei fanciulli. Si è avuta infine la Premiazione Finale consistente in Buoni Libri per le Biblioteche dei tre Istituti Comprensivi: De Amicis, Santa Chiara e Francesco Paolo Neglia, tutti a pari merito. Una performance finale sui Diritti è stata presentata dai bambini della Scuola De Amicis che ha ricevuto meritati applausi. Gradite ospiti sono state le sorelle Giada e Rebecca Savoca, di dieci e quindici anni, che hanno dato prova della loro bravura suonando, con il violino, pezzi estremamente difficili per la loro età, riscuotendo consensi tra i presenti.

A chiusura della manifestazione è intervenuto il Lgt. Governatore Vincenzo Patti, il quale, nel complimentarsi con la presidente Nella Pavone per l’ottima organizzazione dell’evento, ha avuto parole di compiacimento per il Kiwanis ennese che è riuscito a coinvolgere insegnanti e alunni, ed ha aggiunto: “Sono rimasto favorevolmente colpito nel sentire bambini che hanno illustrato i loro elaborati sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e declamare i versi delle poesie scritte da loro… tutto ciò è stato entusiasmante”.

Delle targhe ricordo sono state consegnate, dalle mani della presidente del Kiwanis, al Lgt. Governatore Vincenzo Patti, al Chair Rino Arangio e ai tre dirigenti scolastici: Maria Sebastiana Adamo, preside dell’I.C. Francesco Paolo Neglia; Filippo Gervasi, preside dell’I.C. De Amicis e al docente Fausto Scalia, in rappresentanza della preside del I.C. Santa Chiara, Maria Concetta Messina.

Nella Pavone, visibilmente soddisfatta della riuscita del concorso, ha rivolto parole finali di ringraziamento ai dirigenti scolastici, ai docenti e ai numerosissimi alunni che si sono impegnati, al Lgt Governatore, al proprio direttivo, ai soci kiwaniani e ai graditi ospiti presenti.

Salvatore Presti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DONAZIONE A TELENICOSIA

Previsioni del tempo


Meteo Nicosia
css.php