La giornalista Maria Grazia Mazzola ricorda la professoressa nicosiana Rosa Schillaci

Ci sono persone che sono parte della nostra identità collettiva, della comunità della quale viviamo e quando vengono a mancare sentiamo che va via un pezzo di questa identità comune e allora siamo chiamati ancora di più a vigilare che l’identità comune non si sfaldi. Rosa Schillaci era una di queste, 86 anni li avrebbe compiuti a giorni, ma all’improvviso si é addormentata, é venuta a mancare. Era una vera amica con i valori sacri strutturati nella sua anima e per questo l’ho sempre considerata senza età come le persone migliori, tutte d’un pezzo. Lei amava Nicosia, la sua storia e cultura, le sue tradizioni, aveva insegnato lettere classiche al liceo, cultrice di letteratura greca, latina e italiana. Un’intellettuale di poche parole, grandi sorrisi e amante delle nuove generazioni. Proprio Rosa e il marito avvocato Mimmo Naselli mi hanno convinto alcuni anni fa a realizzare un servizio per il settimanale del Tg1, Tv7 per il quale lavoro. Mi hanno sensibilizzato ad abbracciare la causa di Nicosia: le strade che mancano, il Tribunale che non c’è più, l’identità storica che rischia di sparire, il dialetto gallo italico che Rosa Schillaci parlava alla perfezione, comprese le storie di musicisti e artisti noti nicosiani. Nicosia é lo specchio di quei paesi di Italia che rischiano di tramontare – anche con l’emigrazione delle nuove generazioni –  meritando invece molto, tanto ed é per questo che realizzai il servizio.

Rosa ne fu felice ed entusiasta e si mobilitò per il suo paese, per Nicosia.

Una donna solare, intellettuale e profondamente legata non solo a Nicosia ma anche ad un’altra comunità quella familiare: ha amato il marito, il fratello, le nipoti tutti i parenti più di se stessa. Il 6 aprile dell’anno scorso in occasione del Premio giornalistico Iride della Fidapa, venne a Enna, tra 300 persone e studenti, Rosa volle essere presente. Una premiazione riconoscimento della mia storia professionale, un appuntamento al quale non mancò e del quale conservo una foto. Ma Rosa Schillaci AMAVA e questo la rende anche oggi intramontabile. Sapeva amare il suo paese e anche le sue alunne fotografate con la professoressa trent’anni dopo a Carnevale.

Chi ama non muore mai, lo dice il Vangelo e io lo credo.

Maria Grazia Mazzola 

I funerali saranno celebrati oggi 15 gennaio alle 15 nella Chiesa di San Gabriele dell’Addolorata(Magnana).

Rosa con le alunne a carnevale 30 anni dopo
Rosa con le alunne a carnevale 30 anni dopo

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest