Lavoratori ex reddito minimo, per Arancio e Lantieri è discriminatoria l’esclusione dei lavoratori da garanzie occupazionali

“Una decisione discriminatoria e  ‘ palermocentrica’  ha escluso  i lavoratori del reddito minimo d’inserimento da una norma che avrebbe potuto garantire loro un futuro lavorativo certo”. Così i parlamentari regionali del Partito democratico, Giuseppe Arancio e Luisa Lantieri commentano il vot dell’aula all’articolo della finanziaria che sancendo il passaggio dei lavoratori Pip alla Resais, ha respinto l’estensione dei benefici ai  aki lavoratori RMI.

“La misura del reddito minimo d’inserimento  applicata nelle province di Caltanissetta ed Enna, coinvolge circa 1200 lavoratori impiegati in servizi di pubblica utilità. La sperimentazione nata  alla fine degli anni 90 per  fronteggiare la crisi delle aree maggiormente depresse avrebbe dovuto essere provvisoria, ma si è rivelata l’unico argine  alle sacche di povertà.  Non è ammissibile  – continuano – che, ancora oggi a distanza di vent’anni, il parlamento non abbia voluto  dare garanzie a questi lavoratori, così come invece avvenuto per i Pip palermitani. Per questo motivo – concludono – è doveroso che la tutela dei lavoratori del reddito minimo d’inserimento deve essere inserita nel ddl stralcio da votare dopo la finanziaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DONAZIONE A TELENICOSIA

Previsioni del tempo


Meteo Nicosia
css.php