Nicosia, presentato il libro “La nostra memoria della Grande Guerra” – VIDEO

L’auditorium “Vincenzo Nisi” dell’Istituto Superiore  “Fratelli Testa” di Nicosia, ha ospitato il 28 maggio la presentazione del libro “La nostra memoria della Grande Guerra”, un testo curato dai docenti Patrizia Venuta e Luigi Gagliano e con l’apporto degli studenti del liceo.

Si tratta di una raccolta di racconti, memorie e fatti, corredati da un ampio materiale fotografico, che raccontano la Grande Guerra vissuta attraverso le esperienze di soldati e persone del nostro territorio. Una testimonianza storica ancora viva, nonostante siano passati cento anni dalla fine del conflitto ed i protagonisti di quella triste e drammatica esperienza non siano più in vita per raccontare direttamente le loro testimonianze. I docenti e gli studenti sono riusciti però a raccogliere tanti documenti ed a farne un volume di alto impatto storico ed emotivo.

Ha introdotto i diversi ospiti e relatori della presentazione il dirigente scolastico Josè Chiavetta, non nuovo nel seguire ed incoraggiare le attività e la stesura di un libro che raccoglie le esperienze storiche rivisitate dal punto di vista locale.

Dopo i saluti del vescovo della Diocesi di Nicosia, Salvatore Muratore, del sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, è intervenuto anche il generale di brigata Claudio Minghetti, comandante militare dell’Esercito in Sicilia.

Sono intervenuti Franco Amata, professore ordinario di Storia dell’Agricoltura presso l’Università degli Studi di Catania. Interessante l’intervento della poetessa Grazia Gangitano, che ha letto alcune poesie in gallo-italico del poeta La Giglia scritte proprio durante il periodo bellico, a quanto pare influenzato dagli scritti di Gabriele D’Annunzio. Tra i relatori anche Giuseppe Nigrelli, docente di Filosofia e Storia presso il Liceo Vaccalluzzo di Leonforte, studioso e specialista di storia locale.

Gli ultimi interventi sono stati quelli dei docenti Patrizia Venuta, emozionata e soddisfatta per il lavoro svolto, nel suo intervento ha ringraziato tutti coloro che hanno collaborato fattivamente per la stesura del testo. Simpatico l’intervento dell’altro curatore del libro, il docente Luigi Gagliano, che ha raccontato alcuni retroscena simpatici ed inediti che hanno portato alla stesura del libro.

E’ intervenuta al dibattito conclusivo l’avvocato Franca Rupe, nipote di Salvatore Rupe, eroe di guerra nicosiano deceduto nel 1917 e che non conobbe mai il figlio nato nel 1918. La famiglia Rupe ha voluto donare ai curatori del libro ed al dirigente scolastico una targa ricordo dell’evento.

Ha salutato gli intervenuti anche Giuseppe Mazzaglia, esperto di storia militare e presidente del Comitato Grande Guerra in Sicilia, che ha contribuito fattivamente nel realizzare la mostra “La Sicilia nella Prima Guerra Mondiale”, allestita all’interno dei locali dell’Istituto Fratelli Testa.

Tra una relazione e l’altra, sono intervenuti con la recita di poesie, l’interpretazione di testi e canzoni gli studenti dell’Istituto Fratelli Testa, accompagnati al pianoforte dal maestro Pino Lo Votrico. La serata si è chiusa con il significativo canto dell’Inno al Piave, cantato da Maria Carmela Mannino, un simbolo italiano della grande guerra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest