“2 giugno non manifestazione di protesta ma di proposta”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Salvini: 2 giugno non manifestazione di protesta ma di proposta


Non sarà una manifestazione di protesta, ma di proposta, raccolta di idee, saremo in tante città, anche a Roma, a distanza, in sicurezza”. Così Matteo Salvini, intervistato a ‘Primocanale.it’, riferendosi alla manifestazione delle forze del centrodestra del 2 giugno. “Ci stiamo autotassando dall’inizio dell’epidemia, sui nostri stipendi, useremo quei soldi anche per una iniziativa il 2 giugno, daremo il nostro piccolo, ma penso per molti, importante, contributo”, ha aggiunto il leader della Lega.


Parlando della pandemia, Salvini ha ribadito la sua posizione sulla necessità di chiarimenti da Pechino. “Ci sono 120 Paesi al mondo, in tutto il mondo, in tutti i continenti, che chiedono spiegazioni alla Cina sui ritardi nell’allarme per la pandemia, su eventuali contagi, sugli esperimenti nei laboratori, e non sono tutti amici di Salvini sovranisti leghisti o gente strana, ma l’Italia tace” ha detto il leader del Carroccio. Per Salvini “non è il momento in cui tacere, anche perché questa pandemia, oltre che migliaia e migliaia di morti a cui va il nostro quotidiano pensiero, rischia di portare a una crisi economica enorme”.



Poi, a una domanda sulle prossime tornate elettorali in Liguria e Veneto, Salvini ha risposto: “Penso che Giovanni Toti e Luca Zaia siano stati due fra i più presenti, più concreti e più efficienti, sia in termine di emergenza sanitaria che in termini di risposta economica, hanno lavorato bene”. “Noi – ha sottolineato – saremo a sostegno sia di Giovanni Toti in Liguria, che di Luca Zaia in Veneto“.


Salvini ha parlato anche di ArcelorMittal e della Thyssen. “Non si può scherzare con un singolo posto di lavoro, è un problema che qualche multinazionale straniera ne stia approfittando per fare cassa e licenziare, non solo a Genova con ArcelorMittal ma anche a Terni con la Thyssenkrupp c’è lo stesso rischio” ha detto il leader della Lega. “Quindi non è possibile che qualcuno per business, per mera speculazione finanziaria, giochi sulla pelle dei lavoratori”, ha concluso, sottolineando che deve essere il governo a muoversi, che “deve tirare su il telefono con i signori della Mittal e della Thyssen”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: