A Nicosia nell’operazione “Self Service” dei Carabinieri emesse 13 misure cautelari nei confronti di minorenni per furto e danneggiamento aggravato

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nella mattina del 20 settembre i Carabinieri della Compagnia di Nicosia, hanno dato esecuzione a 13 misure cautelari, della permanenza in casa, emesse dall’Ufficio GIP del Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, su richiesta della Procura dei minori nissena a carico di altrettanti soggetti, ritenuti a vario titolo responsabili, dei delitti di furto aggravato in concorso e danneggiamento aggravato.

questi provvedimenti scaturiscono dall’attività investigativa, diretta dalla Procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni  e  condotta, nei mesi di gennaio e febbraio 2019 dai Carabinieri di Nicosia. L’attività  ha consentito di acclarare l’esistenza e l’operatività di una vera e propria “banda”, composta da tredici giovani nicosiani, tutti minorenni ma imputabili, i quali attraverso un preciso modus operandi (travisati, a seconda degli apparecchi da saccheggiare, li scuotevano violentemente o sferravano numerosi calci  così da determinare l’elargizione del prodotto senza l’inserimento del denaro, incuranti e sprezzanti di telecamere e avvisi vari) hanno portato al compimento di  almeno dieci furti consumati, un furto tentato ed un danneggiamento, ai danni delle apparecchiature self-service collocate nel centro della cittadina in un’apposita area self 24, divenuta nel frattempo luogo di ritrovo e di “sostentamento” per il giovane gruppo criminale.

L’operazione odierna ha posto freno, ad un fenomeno che nel territorio ha destato grave allarme sociale, anche in considerazione della giovanissima età dei soggetti sottoposti ad indagine.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *