A Nicosia per la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” DacosaNascecosa ha realizzato sei installazioni – FOTO & VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’Associazione DacosaNascecosa, da sempre impegnata nella sensibilizzazione sociale alla cultura del riciclo, nella promozione della salvaguardia e della tutela dell’ambiente, non perde occasione per farsi protagonista di eventi significativi sulle più interessanti tematiche sociali.

Nonostante i tempi non siano dei migliori per ciò che riguarda l’organizzazione di eventi o altre attività sociali, l’Associazione DacosaNascecosa è riuscita, anche quest’anno, a ideare un progetto che fosse concretamente realizzabile e adeguatamente comunicativo.

Del resto DacosaNascecosa non è nuova ad eventi sul tema. Con la collaborazione del Comune di Nicosia e di altre associazioni, DacosaNascecosa ha contribuito alla realizzazione della terza edizione di “Fotografie di donne”, evento che, attraverso la fotografia, si prefiggeva l’obiettivo di sottolineare quanto odiosa e inumana fosse la violenza sulle donne. Proficua è stata, inoltre, la collaborazione con l’associazione FIDAPA a diversi eventi sul tema.

L’obiettivo del progetto di quest’anno è stato, pertanto, quello di palesare con forza un chiaro “NO” alla violenza sulle donne, con delle modalità che fossero praticabili nel rispetto dei protocolli anti-contagio, la cui osservanza – si coglie l’occasione per ribadirlo – è essenziale per il bene di tutta la comunità.

Dalla giornata di oggi, 25 novembre 2020, saranno visibili sei installazioni, tutte ispirate alla tematica della lotta contro la violenza sulle donne. Le installazioni saranno ubicate in: piazza Garibaldi, piazzetta San Calogero, monumento a San Felice, via Umberto, via Giambattista Li Volsi e l’ex Tribunale. Le installazioni sono state realizzate in modo tale da essere visibili a tutti coloro che, anche dalla sicurezza delle proprie case, vogliano affacciarsi e ammirare le splendide realizzazioni artistiche degli associati.

Inoltre, l’associazione invita tutti a iscriversi alle pagine Facebook e Instagram di DacosaNascecosa, dove verranno pubblicate le fotografie delle varie installazioni nonché un breve video, nel quale verrà recitato un monologo inerente al tema della violenza sulle donne. Con le splendide parole di Ivo Romagnoli e Ilaria Parlanti, sapientemente reinterpretate, abbiamo inteso affrontare l’ultima grave manifestazione di questa piaga sociale in tempi di lockdown. Durante il blocco sociale, infatti, la propria casa, che doveva essere un luogo di tutela massima per la propria incolumità, è tristemente diventata una prigione per molte donne costrette a vivere col responsabile dei propri maltrattamenti. Si tratta dell’ennesima, odiosa manifestazione di violenza di genere, che non può essere taciuta e che certamente l’associazione non intendeva ignorare.

Non resta, pertanto, che invitarvi a riflettere con noi, attraverso quelle poche ma eloquenti immagini, attraverso quelle semplici ma dure parole. Non saremo mai sazi di dire basta, non saremo mai sazi di dire “NO” a tutte le forme di violenza e in particolare a quella sulle donne: quella più disumana, quella che si consuma nelle case, nelle famiglie e per mano dei propri affetti; quella che non può e non deve essere taciuta. Perché non esiste vergogna e non esiste paura a chiedere aiuto. Così come non esiste timore e non deve esistere esitazione nel tendere una mano”. Affermano gli associati di DacosaNascecosa.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it