A Valguarnera malesseri politici all’interno della minoranza consiliare, lo segnalano i capigruppo di maggioranza

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 17 Giugno 2021

I capigruppo di maggioranza Antonino Draià, Filippa D’Angelo e Enrico Capuano, alla luce delle dichiarazioni rilasciate nell’ultimo consiglio comunale dal consigliere Giuseppe Speranza, in merito alla sua collocazione all’interno della coalizione di minoranza e non avendo nessuna notizia in merito, visto pure che ieri, 16 giugno, non si è potuta consumare la seduta di terza commissione perché il consigliere Bruno ha comunicato di non poter subentrare quale componente nella stessa essendo non legittimato dai colleghi di minoranza.

I capigruppo di maggioranza dichiarano: “E’ troppo evidente che l’amalgama nei banchi della minoranza non esiste, così come è evidente che il consigliere Speranza non ha avuto un piacevole  benvenuto nemmeno dalla lista in cui era candidato, infatti,  indiscrezioni riferiscono che vi siano posizioni diverse circa il ruolo di capogruppo.

L’arrivo del consigliere Speranza ha rotto i già precari equilibri all’interno della coalizione di minoranza?

Viene spontanea la domanda se ci sarà la creazione di un altro gruppo consiliare che porterà ad avere nella minoranza quattro consiglieri e quattro capogruppo.  Se a sensibilizzare i gruppi è stata la definizione del consigliere Bonanno che la scorsa minoranza consiliare era “malata”, viene da dire che certo questa nuova minoranza non gode di buona salute.

Auspichiamo per il bene della comunità valguarnerese che trovino tra loro una sintesi che li investa di responsabilità così da riprendere i lavori della terza commissione che rischiano di rimanere ingessati proprio nel momento in cui siamo chiamati ad approvare il Bilancio di previsione.”

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.