Acquistati dall’Asp di Enna 24 ecografi per quasi 2 milioni di euro. Bando straordinario per chirurghi

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tra le ultime misure intraprese dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna, vi sono l’acquisto di 24 ecografi, per la somma totale di 1.931.000 euro, e il bando straordinario per chirurghi.

Presso l’Ospedale Umberto I di Enna, riunione operativa tra i capi dei Dipartimenti, il direttore sanitario, Emanuele Cassarà, e il direttore generale, Francesco Iudica, per accertare il fabbisogno di ecografi per le Unità Operative dell’Asp.

Secondo quanto richiesto dai dirigenti dei Dipartimenti, i 24 ecografi saranno assegnati ai reparti di Urologia, Chirurgia, Nefrologia, Neurologia, Radiologia, Pediatria, Senologia e Neonatologia dell’Umberto I, alla Medicina Generale e alla Radiologia dell’Ospedale Chiello di Piazza Armerina, al Pronto Soccorso e Radiologia del Presidio Ospedaliero Ferro Branciforte di Leonforte, ai reparti di Ginecologia, Cardiologia e Medicina dell’Ospedale Basilotta di Nicosia, al Consultorio di Enna; i restanti ai vari ambulatori distrettuali, tra cui Piazza Armerina, Enna, Agira, Catenanuova, Centuripe, Nicosia.

Emanato l’ avviso pubblico straordinario per il conferimento di incarichi a tempo determinato e supplenze di dirigente medico di Chirurgia Generale. Il bando è pubblicato sul sito dell’Asp di Enna: www.aspenna.it. Scadrà il 3 dicembre prossimo.

L’obiettivo delle misure è potenziare la capacità diagnostica delle strutture e rafforzare la dotazione organica in branche strategiche come la Chirurgia in una fase in cui l’Asp di Enna, nel garantire l’assistenza ai malati da Coronavirus, ha scelto di continuare ad assicurare all’utenza le proprie attività, ospedaliere e territoriali, non connesse al Covid19.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.