agente sopravvissuto a Provenzano, ‘da 28 anni stesse parole ma verità non c’è’

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


L’incontro tra il ministro e Vullo in via D’Amelio a Palermo ‘C’è chi ha sbagliato e fa ancora lo sciacallo’


CRONACA





L'unico agente sopravvissuto a Provenzano: Da 28 anni sempre le stesse parole, ma la verità ancora non c'è

L’agente Vullo e Provenzano in via D’Amelio


“Signor ministro, da 28 anni sentiamo ripetere dalle istituzioni sempre le stesse cose, ma ancora la verità su quanto accaduto qui il 19 luglio del 1992 non la conosciamo. Ed è assurdo”. Sono le parole dell’unico agente di scorta sopravvissuto alla strage di via D’Amelio, Antonino Vullo, rivolte al ministro del Sud, Giuseppe Provenzano, arrivato sul luogo dell’attentato in cui persero la vita Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta. Vullo rimase ferito ma riuscì a sopravvivere.


“Non è possibile accettare che 57 giorni dopo la strage di Capaci sia stato ucciso anche Paolo Borsellino – dice ancora Vullo rivolgendosi al ministro che lo ascolta. “Lo Stato doveva fare molto di più in quei giorni”. E Provenzano gli risponde: “E’ così, ma credo che questa determinazione ci sia. Dobbiamo continuare a crederci. Ma Vullo ribatte: “Anno dopo anno sento ripetere le stesse cose, ci sono state tante anomalie dopo la strage che sono state nascoste o non valutate bene e questo non è giusto”.







E Provenzano replica all’agente sopravvissuto: “Quello che ci hanno insegnato loro (Falcone e Borsellino ndr) è che non bisogna perdere fiducia nelle istituzioni perché le istituzioni siamo anche noi, questo è il nostro compito”. Vullo controbatte ancora: “Noi abbiamo fiducia nelle istituzioni, ma se c’è qualcuno che sbaglia deve esser allontanato e non che deve continuare il suo percorso e sciacallare verso la gente onesta. Questo non va bene”.


Poi Vullo, dopo avere salutato il ministro Provenzano, spiega: “Io non vengo qui solo per il 19 luglio ma vengo spesso, ne sento la necessità. Certo, dopo 28 anni ancora non sapere cosa è successo qui fa tanta rabbia e tristezza. Non ce lo aspettavamo che anche in questo anniversario non avremmo saputo quello che è accaduto”. E su quel giorno dice: “Quei omenti non si possono dimenticare, li ho impressi nella mia pelle”. “anno dopo anno vengono sempre ministri a dichiarare che stanno lottando per conoscere la verità però sono passati 28 anni, sono passati tanti minstri ma la verità ancora ce la negano”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.




[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]

Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: