Agira, arrestati dai carabinieri due uomini autori di un furto di un cambiamonete da un ristorante

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nelle prime ore del mattino di mercoledì 29 maggio, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Enna e della Stazione di Agira hanno tratto in arresto due giovani originari del catanese, dopo averli colti in flagranza del reato di furto aggravato di un cambiamonete, asportato all’interno di un ristorante sito nella via Vittorio Emanuele di Agira.

Gli arrestati, il 33 enne M. E. e il 28 enne V. E., entrambi residenti a Santa Maria di Licodia e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, alle ore 4:30 circa, dopo la chiusura del locale, una pizzeria non lontana dalla caserma dei Carabinieri di Agira, incoraggiati dalla tarda ora, sono penetrati nell’esercizio commerciale, dopo averne danneggiato la saracinesca, asportando una macchinetta cambiamonete, contenente circa 2.500 euro, per poi darsi alla fuga.

I rumori provenienti dal locale hanno insospettito i vicini che hanno immediatamente dato l’allarme alla Centrale Operativa dei Carabinieri di Enna da cui è stato coordinato l’invio sul posto delle auto in servizio nella zona durante l’arco notturno. Le ricerche condotte in modo interrotto su tutta l’area interessata sono state estese anche alle campagne adiacenti. La caccia all’uomo si è conclusa alle successive alle 7 circa, quando, grazie all’intuizione dei militari, i malviventi sono stati scovati in mezzo ad una macchia mediterranea, a considerevole distanza dalla sede stradale. A pochi metri dal nascondiglio scelto dai ladri, i militari hanno rinvenuto anche la macchinetta, abbandonata in mezzo alle sterpaglie circostanti. Circondati dai Carabinieri, i malviventi si sono arresi senza esitazione, ammettendo le loro responsabilità in merito al furto della preziosa refurtiva.

Trasportati in caserma, i due sono stati dichiarati in stato di arresto e, su disposizione del pubblico ministero di turno condotti presso il Tribunale di Enna per il rito direttissimo, avvenuto nel pomeriggio della stessa giornata, all’esito del quale il giudice ha convalidato l’arresto operato dai Carabinieri ed applicato ai due la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Santa Maria di Licodia in provincia di Catania.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: