Agira, il consigliere comunale Luigi Manno segnala la presenza di amianto sulla provinciale 21

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 10 Giugno 2021

Il capogruppo consiliare di minoranza presso il Comune di Agira, ha inviato una nota al sindaco, all’assessore all’Ambiente e al comandante della Polizia municipale di Agira, comunicando a ciascuno per la propria competenza e responsabilità, la gravissima e preoccupante situazione presente sulla strada provinciale 21.

Il consigliere Mano segnala In particolare che in prossimità della contrada Scardilli sul percorso stradale giacciono abbandonati diverse lastre di eternit in evidente stato di sfaldatura. A questi pericolosi residui si aggiungono numerosi rifiuti di varia natura (apparecchiature elettroniche, ecc.) che nessuno da molto tempo ormai si preoccupa di far rimuovere.

Queste situazione, – scrive Manno – oltre a pregiudicare il decoro del territorio extraurbano di competenza  ed essere segno di profonda inciviltà, crea un gravissimo allarme per il pericolo che incombe su tutti coloro che giornalmente transitano per la zona interessata. E’ scientificamente dimostrato, infatti, che l’esposizione alle fibre di amianto è associata a malattie dell’apparato respiratorio (asbestosi, carcinoma polmonare) e delle membrane sierose, principalmente la pleura (mesoteliomi)”.

Con la nota il consigliere Luigi Manno invita le autorità ad adoperarsi presso le sedi istituzionali di competenza, affinché siano rimossi con urgenza tutti i rifiuti e in modo particolare il materiale eternit contenete amianto. Nella nota aggiunge “Si auspica che venga esposto un cartello che vieti la deposizione dei rifiuti e istituito un servizio più accorto di vigilanza per il rispetto delle norme e la repressione degli abusi così come prescrive la legge”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.