Alessandro Magistro, presidente dell’assemblea delle Consulte giovanili siciliane, in visita domenica a Capizzi, Cerami e Nicosia

Condividi l'articolo su:

L’8 aprile Alessandro Magistro è stato eletto presidente dell’Assemblea delle Consulte giovanili siciliane. Magistro è anche il presidente della Consulta giovanile dei Nebrodi.

Il neo presidente dell’assemblea regionale delle Consulte Sicilianasarà in visita ufficiale nella giornata di domenica 14 aprile nei Comuni di Capizzi, Cerami e Nicosia ed incontrerà i sindaci, consiglieri comunali e cittadini di ogni età, un modo per far sentire la presenza del neo organismo nei comuni interni della Sicilia.

Il presidente Magistro consegnerà anche la copia dello statuto a tutti i sindaci e spiegherà cosa si realizzerà in Regione Siciliana per le tematiche giovanili del lavoro, imprese e turismo.

Le visite inizieranno alle 11.30 a Capizzi su richiesta del parroco don Antonio Cipriano, il presidente si fermerà alla messa della domenica delle palme, accompagnato dal sindaco capitino Leonardo Principato Trosso e da una delegazione di collaboratori. Alle 15 l’incontro si sposterà a Cerami.

Alle 17 il presidente Alessandro Magistro visiterà Nicosia, ospite del sindaco Luigi Bonelli, del presidente del consiglio comunale e dei consiglieri nicosiani.

L’incontro con Magistro è stato fortemente voluto e proposto dal consigliere Filippo Giacobbe. Attualmente Nicosia non ha una consulta giovanile ed il consigliere Giacobbe ha recentemente presentato anche una mozione in consiglio comunale per costituirla anche a Nicosia ed aderire successivamente alla Consulta giovanile dei Nebrodi.

E’ una mia vecchia idea che porto avanti dal 2003. – afferma il consigliere Giacobbe – Le consulte giovanili sono importanti in quanto coinvolgono i giovani nelle scelte e nella vita politica del Comune. Spero che questa visita del presidente Magistro possa accelerare l’iter, prima della fine di questa legislatura, per la costituzione di una consulta giovanile nicosiana e per aderire a quella dei Nebrodi”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *