Ancora proteste a Minneapolis, incendiato il commissariato

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  



ESTERI





Ancora proteste a Minneapolis, incendiato il commissariato


Non si placano le tensioni a Minneapolis nel mezzo dello sdegno per la morte del 46enne afroamericano George Floyd rimasto soffocato durante un fermo di polizia. La Cnn riferisce di un commissariato dato alle fiamme, spiegando che gli agenti avevano eretto una recinzione intorno alla stazione di polizia presa d’assalto da migliaia di manifestanti che l’hanno abbattuta. Alcuni dimostranti sono riusciti ad arrampicarsi e ad appiccare il fuoco all’interno degli uffici. Il commissariato è stato così evacuato “nell’interesse della sicurezza del personale”.


Ieri il capo della polizia di Minneapolis, Medaria Arradondo, si è “scusato nel modo più assoluto per la pena, la devastazione e il trauma che la morte di Floyd ha provocato alla sua famiglia ed ai suoi cari”. “So che al momento c’è un deficit di speranza nella nostra città, e so che il nostro dipartimento ha contribuito a questo deficit nel suo insieme” ha aggiunto che ha però ribadito che non potrà permettere che si ripetano le saccheggi, gli incendi e le violenze che si sono registrate la notte scorsa. Devastazioni che il capo della polizia imputa a “gruppi esterni” al movimento di protesta.



Intanto, la stampa Usa riporta che è emerso che, Derek Chauvin, l’agente che ha tenuto per oltre cinque minuti il suo ginocchio sul collo di Floyd che urlava di non poter respirate, nei suoi 19 anni al dipartimento aveva ricevuto almeno una decina di denunce per il suo comportamento, senza che fosse mai avviato nei suoi confronti nessun procedimento disciplinare, tranne in un solo caso una lettera di richiamo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.





Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: