Arriva la Jeep Compass ‘made in Melfi’, più tecnologica ed efficiente

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Arriva la Jeep Compass 'made in Melfi', più connessa ed efficiente


Dopo il debutto sul mercato europeo con gli esemplari prodotti nell’impanto messicano di Toluca, è ora possibile ordinare la nuova Jeep Compass prodotta in Italia, per l’esattezza nello stabilimento lucano di Melfi. Lo comunica il Gruppo Fca, sottolineando come il modello è stato aggiornato per offrire più contenuti tecnologici e assicurare migliore connettività ed efficienza. Inoltre con l’inizio della produzione nello stabilimento FCA di Melfi, debutta nella gamma Jeep Compass il nuovo motore turbo benzina da 1,3 litri, con potenze da 130 CV e 150 CV, un propulsore caratterizzato da consumi ottimizzati e minori emissioni di CO2 oltre a performance di rilievo sia su strada che in off-road.


Per la prima volta è disponibile anche su Compass una versione a trazione anteriore abbinata al cambio automatico a doppia frizione e alla modalità di guida Sport. Sul fronte tecnologico questo modello ‘italiano’ offre nuovi servizi Uconnect – standard a partire dall’allestimento Longitude – per una connettività avanzata a bordo e ‘da remoto’: infatti le funzionalità saranno accessibili tramite diversi touchpoints, tra cui l’app mobile My Uconnect, il proprio smartwatch, il sito web, i pulsanti sulla plafoniera al tetto e la radio.



Non solo: Fca sottolinea come la Jeep Compass costruita a Melfi beneficia di tempi di consegna più brevi – stimati in tre settimane – e di un flusso fabbrica-ordine specifico per concessionarie e clienti europei, a vantaggio della flessibilità commerciale. Il nuovo modello sarà lanciato a giugno presso gli showroom Jeep italiani presso gli showroom Jeep italiani con un listino che parte da 28.750 euro. Inoltre sarà disponibile la soluzione finanziaria Jeep Excellence by FCA Bank caratterizzata da una offerta a “Triplo Zero”: ovvero Zero anticipo, Zero interessi e Zero rate nel 2020.


L’avvio della produzione italiana della Compass – che è stata il primo modello Jeep concepito appositamente per l’Europa – segue il successo raccolto a livello globale dal lancio nel 2017 e che ne ha fatto nel 2019 il Suv della casa americana più venduto a livello globale. Ma l’avvio della produzione di Melfi, sottolinea il gruppo, è un ulteriore tassello nel programma di investimenti da 5 miliardi di euro che FCA ha stanziato per le fabbriche italiane e un passo importante nell’evoluzione di un brand davvero ‘mitico’.


Oltre ai due turbo benzina da 1,3 litri da 130 CV (con cambio manuale a 6 marce) o 150 CV (con automatico a doppia frizione) – della nuova famiglia Global Small Engine di FCA – la gamma Compass prevede anche una versione aggiornata del diesel MultiJet II da 1,6 litri e 120 CV con SCR (Selective Catalytic Reduction). In particolare il nuovo propulsore a benzina da 1,3 litri è conforme alla normativa Euro 6D Final, adotta filtro anti-particolato GPF (Gasoline Particulate Filter) e consente inoltre di ottimizzare i consumi fino al 30% (ciclo WLTP) rispetto alle precedenti versioni benzina 4×4 con cambio automatico.


A contraddistinguere la Compass ‘made in Melfi’ un tuning per lo sterzo finalizzato a migliorarne le qualità di leggerezza e progressività e un set-up specifico delle sospensioni, con l’introduzione di ammortizzatori con valvole FSD (Frequency Selective Damping), per limitare i movimenti della scocca senza penalizzare le qualità di assorbimento delle asperità e quindi il confort.


La gamma italiana sarà composta al lancio da quattro allestimenti – Longitude, Night Eagle, Limited ed S – ma c’è molta attesa per la versione Plug-in Hybrid 4xe che sarà introdotta nella seconda metà del 2020 e che offrirà versioni da 190 CV e 240 CV, entrambe esclusivamente con trazione integrale. Queste versioni offriranno poi funzionalità specifiche per la guida elettrificata per consentire ai clienti di controllare il livello di carica della batteria direttamente dalla app mobile My Uconnect, di programmare la ricarica e il climatizzatore e di visualizzare le stazioni di ricarica più vicine sulla app mobile My Uconnect e sul sistema Uconnect 8,4” NAV quando la batteria si sta scaricando.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: