Asp Enna, apprezzamenti del Presidente della Repubblica per il Percorso di Sana Alimentazione

Condividi l'articolo su:

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, attraverso una nota inviata dal Direttore del suo Ufficio di Segreteria, esprime vivo apprezzamento per il “Percorso di Sana Alimentazione” realizzato dall’Azienda Sanitaria Provinciale nel triennio 2016/2019 presso l’Istituto Comprensivo Neglia-Savarese di Enna. Il progetto di sana alimentazione ha coinvolto insegnanti, genitori, alunni e operatori sanitari dell’ASP di Enna, in particolare Medicina Scolastica, Dipartimento Territoriale Materno Infantile e FED (Formazione, Educazione e Dieta Mediterranea) e si è concluso con la stesura di un libro “Le ricette della nostra Terra”.

Nell’evento conclusivo del progetto, gli alunni delle IV e V della scuola primaria dell’Istituto, retto dalla prof.ssa Marinella Adamo, hanno presentato il volume creato con ricette selezionate dai genitori e dagli insegnanti ed edito dal FED dell’Azienda Sanitaria di Enna, diretta dal dr. Francesco Iudica.

Il libro è ricco di ricette tipiche siciliane, e della provincia ennese, che rispecchiano le indicazioni della Dieta Mediterranea.  “Questa peculiarità – afferma il responsabile della Medicina Scolastica, dr. Rosario Colianni – è stata tanto apprezzata dal Presidente della Repubblica che ha ricordato, nella sua nota, l’importanza della dieta come modello di vita tanto da essere inserita dall’UNESCO nella lista del Patrimonio Culturale dell’Umanità. E’ stata gradita la composizione di ogni ricetta, corredata da un’accurata descrizione sulle modalità di preparazione del piatto e da una tabella e note nutrizionali da parte degli esperti FED. Per una maggiore completezza il volume presenta, in appendice, alcune foto riguardanti le principali tappe del percorso nel triennio, come, ad esempio, la cartellonistica, gli incontri con i genitori, le gare, le premiazioni, le tavolate bandite dalle famiglie con cibi preparati a casa con ingredienti genuini e del territorio”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *