Avviate le procedure di “Nicosia 2.0: la città del futuro” per redigere il Piano Urbanistico Generale

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 16 Settembre 2021

Dal 2008 il Comune di Nicosia è dotato di un Piano Regolatore Generale i cui vincoli preordinati all’esproprio e alla inedificabilità con validità quinquennale risultano decaduti dal 4 febbraio 2013. Nel mese di ottobre 2013 il consiglio comunale aveva approvato le direttive generali per avviare la progettazione per la revisione del PRG, ad oggi il Comune di Nicosia non ha ancora definito la bozza dello schema di massima e pertanto potrà proseguirne l’iter, ma dovrà avviare ex novo il procedimento di formazione del PUG ai sensi della nuova normativa urbanistica, approvata di recente con una legge nazionale del 2020 e due leggi regionali del 2021.

La nuova legge obbliga i Comuni a procedere alla pianificazione urbanistica del loro territorio attraverso uno strumento ora denominato Piano Urbanistico Generale (PUG), le cui procedure di formazione e i cui contenuti tecnici sono diversi rispetto a quelli del Piano Regolatore Generale, strumento che non può più essere aggiornato.

Con la delibera di giunta 147 del 10 settembre 2021, l’amministrazione comunale ha dato il via alla regolamentazione del territorio comunale, anche al fine di regolamentare le numerose aree non normate scaturite dalla decadenza dei vincoli preordinati all’esproprio del PRG e al fine di regolamentare gli interventi edilizi nel centro storico.

L’amministrazione comunale di Nicosia ha approvato come atto di indirizzo per la formazione del PUG le direttive previste da “Nicosia 2.0: la città del futuro” assumendole come linee guida per la redazione del nuovo piano. La progettazione sarà curata dall’Ufficio del Piano, costituito presso il 1° servizio Urbanistica del 3° settore dell’ufficio Tecnico Comunale, coordinato dal capo servizio Urbanistica, l’architetto Salvatore Farinella.

Sono diverse le fasi che porteranno alla costruzione del PUG attraverso un processo partecipativo che coinvolgerà la cittadinanza. Si partirà con la prima fase che prevede la definizione del documento preliminare: pubblico avviso sul sito istituzionale del Comune; pubblicazione del questionario per la presentazione di suggerimenti e proposte entro 30 giorni; incontri pubblici (Forum) con associazioni, categorie imprenditoriali, Ordini professionali, scuole, operatori socio-sanitari (i partecipanti potranno anche consegnare il questionario); pubblicazione delle risultanze sulla pagina dedicata del sito istituzionale

Con la seconda fase verrà avviata una conferenza di pianificazione per l’approvazione del documento preliminare con la partecipazione, con funzione consultiva e senza diritto di voto, dei rappresentanti di altri enti pubblici o di organizzazioni sociali, culturali, economico-professionali, sindacali ed ambientaliste, legalmente riconosciute, che, per loro specifiche competenze e responsabilità, siano comunque interessati alle scelte di pianificazione.

La terza fase prevede la definizione del PUG con incontri pubblici (Forum) con associazioni, categorie imprenditoriali, Ordini professionali, scuole, operatori socio-sanitari e la pubblicazione delle risultanze sulla pagina dedicata del sito istituzionale.

Con la quarta fase verrà avviata una conferenza di pianificazione per l’approvazione del PUG con la partecipazione, con funzione consultiva e senza diritto di voto, dei rappresentanti di altri enti pubblici o di organizzazioni sociali, culturali, economico-professionali, sindacali ed ambientaliste, legalmente riconosciute, che, per loro specifiche competenze e responsabilità, siano comunque interessati alle scelte di pianificazione.

La quinta fase, infine, prevede le osservazioni al PUG prima dell’approvazione definitiva e la presa visione del progetto con la presentazione di osservazioni entro 60 giorni dal deposito.

L’amministrazione comunale ha dato mandato al progettista e responsabile del procedimento del PUG di richiedere alla competente Soprintendenza ai Beni culturali. la redazione dello studio archeologico relativo al territorio comunale di supporto al PUG.

Negli anni passati sono stati affidati degli incarichi per la redazione degli studi di settore di supporto alla progettazione del PUG. Infatti, lo studio agricolo forestale è già stato acquisito, lo studio geologico è in fase di consegna, lo studio demografico e socio-economico è in fase di redazione da parte del progettista del PUG.

Il responsabile dell’Ufficio Tecnico dovrà procedere con l’adeguamento dell’incarico già conferito per la redazione del Rapporto Ambientale VAS e VINCA da adeguare alle nuove disposizioni legislative e dovrà inserire all’interno del processo di formazione del PUG e in sede di approvazione del documento preliminare le risultanze dello “Studio di dettaglio del centro storico”, verificandone e migliorandone gli aspetti, al fine di pervenire ad una compiuta regolamentazione degli interventi edilizi ed urbanistici.

Il PUG una volta approvato, sostituirà definitivamente il Piano Regolatore Generale.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it