Bilancio partecipativo a Nicosia, approvato dal consiglio comunale il progetto dell’Ecomuseo Petra D’Asgotto

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 27 dicembre il Comune di Nicosia è stato chiamato ad esprimersi sui progetti presentati dalla cittadinanza e finanziati con il 2% dei trasferimenti ordinari della Regine siciliana verso l’ente comunale. Quest’anno la cifra stabilità per i progetti ammonta a 9.406,03 euro.

Son stati tre i progetti presentati da associazioni nicosiani, tra questi due dall’Associazione Città Invisibili. Il primo progetto “Giardino urbano” riguarda un progetto di riqualificazione dell’area dell’ex pescheria, il secondo riguarda il completamento del progetto “Rinascita” finanziato ben due volte attraverso lo strumento del bilancio partecipativo e che riguarda la manutenzione straordinaria dei locali di via Vittorio Emanuele 19, ex sede del Comando della Polizia Municipale.

Dal dibattito in aula è emerso che l’amministrazione comunale di Nicosia ha elaborato un progetto di circa 190.000 euro, finanziati con l’avanzo di bilancio 2019, per la manutenzione straordinaria dell’abitato di Nicosia e Villadoro, il vice sindaco Annamaria Gemmellaro ha promesso che i progetti di realizzazione del “Giardino Urbano” ed il completamento di “Rinascita” saranno inseriti in questa progettazione.

Il voto in aula è stato chiaro, sui 15 consiglieri presenti, ben 12 hanno scelto il progetto presentato dall’Ecomuseo Petra D’Asgotto di Nicosia che riguarda la collocazione a raggiera degli stemmi dei 24 baroni nell’isola centrale della rotatoria in contrada Crociate. I 24 pannelli saranno realizzati in acciaio Corten con una misura frontale di 550×950 mm, su ogni stemma verrà inciso con il laser il nome della baronia. Si tratta del primo stralcio di lavori sulla rotatoria proposti dall’Ecomuseo Petra D’Asgotto. Il secondo stralcio verrà presentato per il bilancio partecipativo del 2021 e riguarderà il collocamento di una lastra in pietra lavica per ciascun pannello, sarà collocato un totem in acciaio Corten, che riproduca lo stemma della città di Nicosia ed infine, l’illuminazione con 24 faretti a led.

Il costo stimato per il primo stralcio dei lavori è 9.383,53 euro, quindi pienamente rientranti nella cifra programmata per il bilancio partecipativo 2020. Il tempo di realizzazione previsto dal progetto è di 8 settimane lavorative consecutive.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it