Calcio serie C2, il Città di Nicosia sconfitto fuori casa

Condividi l'articolo su:

San Nicolò-Città di Nicosia 9-7

Ancora una sconfitta, la sesta stagionale, per il Città di Nicosia. Nell’undicesima giornata del campionato di calcio a 5 di serie C2 i biancorossi guidati in panchina da Salvatore Pentecoste sono stati sconfitti 9-7 dal San Nicolò di Acicatena.

Parte bene il Città di Nicosia, passa in vantaggio con Smantello, i biancorossi costruiscono tante azioni e colgono anche due pali, ma sono poco concreti sotto porta. Padroni di casa sono invece molto più concreti e cinici, capaci di trafiggere per 5 volte gli ospiti su contropiede. Il Città di Nicosia potrebbe accorciare le distanze due volte con Smantello, con Pirrello e Granata, ma non riesce a segnare. Il primo tempo si chiude 5-1 in favore del San Nicolò.

Il secondo tempo si apre con il gol di Smantello per il Città di Nicosia. I padroni di casa segnano però altre due reti portandosi sul 7-2. Città di Nicosia che si rifà sotto e segna due volte con Castiglia portandosi sul 7-4. Biancorossi che costruiscono, ma San Nicolò che sa colpire in contropiede e che segna altre due reti. Sul 9-4 il Città di Nicosia tenta una generosa rimonta segnando con Granata, Pirrello e un autogol. Il risultato di 9-7 non soddisfa il Città di Nicosia, che ancora una volta produce tanto gioco, ma è poco concreto in fase realizzativa e poco attento in difesa.

Amara chiusura di fine anno per il Città di Nicosia, la cui vittoria è diventata un lontano ricordo, l’ultima volta fuori casa il 3 novembre alla quinta giornata contro l’Unione Comprensoriale, poi solo due pareggi entrambi in casa e quattro sconfitte, che proiettano con soli 8 punti il Città di Nicosia al penultimo posto in classifica. Alla ripresa del campionato 12 gennaio 2019, il Città di Nicosia tornerà a giocare in casa contro il Ludica Lipari attualmente ottavo con 13 punti. Sarà necessaria una vittoria per ridare fiducia all’ambiente e soprattutto per guadagnare punti e posizioni in classifica.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *