Capizzi, approvato dall’amministrazione comunale un progetto per riconvertire in punto informazioni turistiche e centro culturale e ricreativo l’ex camera del lavoro

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Gal Nebrodi Plus ha pubblicato un avviso inerente l’azione Gal 2.1 “Sostegno a investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative, informazioni turistiche e infrastrutture turistiche su piccola scala”, il Comune di Capizzi ha aderito al bando ed ha proceduto alla redazione del progetto per il recupero e la riconversione dei locali dell’ex Camera del Lavoro da adibire a Punto informazioni turistiche e Centro culturale e ricreativo nel Comune di Capizzi, al fine di presentare istanza per la partecipazione al bando.

Il progetto esecutivo, per un importo complessivo che sfiora i 100 mila euro, è stato approvato con una delibera di giunta il 10 luglio. Per l’attuazione del progetto è stato costituito un partenariato che coinvolge le associazioni di volontariato presenti nel territorio.

Gli obiettivi che il progetto si prefigge di raggiungere sono: creare un punto di informazione ed accoglienza turistica al fin e organizzare tour ed escursioni per la valorizzazione dell’antico borgo storico e dell’area protetta del Parco dei Nebrodi nell’ottica di della diversificazione dell’offerta turistica, della conservazione del paesaggio e della promozione dei flussi turistici religiosi e delle tipicità locali; la creazione di un centro ricreativo e culturale di fruizione pubblica che possa fungere da centro di aggregazione per anziani e giovani da un lato e da centro studi culturali dall’altro al fine di supportare l’azione di promozione e valorizzazione del territorio.

Gli interventi previsti in progetto consistono nel recupero dell’immobile e la trasformazione funzionale attraverso la demolizione di alcuni tratti della pavimentazione, dei rivestimenti e dei massetti; la rimozione del rivestimento listellato di legno e plastica sulle pareti e la rimozione dell’intonaco ammalorato; la rimozione degli apparecchi igienico-sanitari, di tubazioni di scarico, acqua e termici, della struttura interna in alluminio e delle porte interne; la realizzazione di un nuovo intonaco traspirante, massetti, pavimentazioni e rivestimenti; la realizzazione di nuovi servizi igienico-sanitari; il rifacimento di parte dell’impianto idrico, termico ed elettrico; levigatura e lucidatura di pavimenti; tinteggiatura antimuffa; realizzazione di androne di ingresso e collocazione di nuove porte interne; la realizzazione di segnaletica all’interno del centro storico e nei sentieri esistenti; l’acquisto di mobili ed attrezzature software necessari per la realizzazione del progetto.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: