Capizzi, donato ‘Piano Canedda’ alla Parrocchia dei SS, Nicolò e Giacomo e alla ven. Confr. di S. Antonio di Padova

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IL  26 Giugno 2020 diventa per i Capitini e non solo, una data storica, memorabile,  in quanto in tale data si è concluso un percorso durato decenni.

Finalmente, ‘Piano Canedda’,  territorio immerso nel cuore dei Nebrodi, amato, visitato ma soprattutto venerato dai tanti fedeli devoti a Sant’Antonio  di Padova, è diventato proprietà della Confraternita.

Codesto luogo, da secoli,  durante  la notte del 2 settembre, viene raggiunto dai tanti pellegrini, a piedi scalzi o a cavallo, per ritrovarsi la dove,  la storia e la tradizione  narra,  vi sia sostato alcuni giorni il Santo taumaturgo padovano. Il cammino inizia dalla Chiesetta di Sant’Antonio di Padova di Capizzi, in piazza Miracoli, quando ancora il sole non è sorto,  per presenziare la Messa Solenne che si celebra nel tempio Sacro, dove vi è’ l’effige del Santo e consegnare il loro voto e portare in dono pane, fiori o semplicemente  rivolgere una  preghiera e per poi proseguire la festa condividendo un gioioso banchetto.

Un percorso durato anni, discusso da decenni e finalmente realizzato.  Dinnazi alla presenza del parroco del paese, don Antonio Cipriano, e del governatore della venerabile confraternita, Paolo Calandra, da sempre solerte e attento nel coadiuvare i progetti del gruppo, il ‘prezioso’ pezzo di terra, è stato donato alla comunità Capitina dai proprietari che, da sempre disponibili e disposti nel cedere la proprietà,  hanno sottoscritto l’atto di donazione  alla Parrocchia dei Santi Nicolò e Giacomo e alla venerabile Confraternita di Sant’Antonio di Padova di Capizzi.

Il parroco, il governatore e la popolazione  ringraziano di cuore per la donazione (gesto inestimabile per la comunità)  le fedeli  Famiglie Iraci Fuintino Giuseppe, Iraci Fuintino Francesco e  Calcò Cirino.

Un grazie particolare è indirizzato anche al direttivo e a tutta la confraternita, anch’essa indispensabile per la realizzazione di questo desiderio.

La Confraternità Capitina si è già messa in azione  per la progettazione e la realizzazione della Cappelletta che dovrà sorgere nella località Cannedda.

Coloro i quali volessero partecipare con donazione di fondi per la realizzazione della stessa, possono contattare il Governatore o i membri della Confraternita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Maria Teresa La Via

Maria Teresa La Via, giornalista nata a Nicosia, attuale direttore di TeleNicosia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: