Capizzi, il gruppo “Coerenza e Libertà” presenta un’interrogazione sulla trasmissione in streaming del consiglio comunale

Condividi l'articolo su:

Presentata il 20 novembre dal gruppo consiliare di minoranza “Coerenza e Libertà un’interrogazione all’assessore Prestifilippo Cirimbolo, sulla trasmissione in streaming del consiglio comunale di Capizzi.

Il 23 febbraio 2016 fu previsto dall’attuale regolamento per il funzionamento del consiglio comunale, la possibilità che le sedute consiliari pubbliche potevano essere trasmesse in diretta streaming, attraverso il sito istituzionale dell’Ente, al fine di consentire una più ampia comunicazione e pubblicità ai cittadini dell’attività del consiglio comunale. Con a trasmissione in diretta delle sedute del civico consesso capitino si perseguivano finalità di trasparenza e pubblicità, così da favorire sia la conoscenza da parte dei cittadini dell’attività politico-amministrativa dell’Ente, sia un loro maggiore coinvolgimento nella vita politica della comunità, uno degli obiettivi che il gruppo Coerenza e Libertà ha perseguito fin dalla sua fondazione.

Tra l’altro diversi comuni viciniori, come quelli di Nicosia e Troina, hanno avviato, con notevole successo, la trasmissione in diretta streaming delle sedute del consiglio comunale. Inoltre, attraverso la videoregistrazione delle sedute consiliari, il Comune avrebbe un beneficio indiretto, costituito dalla possibilità di ottenere una più rapida e fedele redazione dei verbali della seduta. Infine, la spesa per il raggiungimento di questi obiettivi non è esorbitante.

Con nota una nota inviata il 30 settembre di quest’anno, a mezzo p.e.c., il gruppo Coerenza e Libertà aveva avanzato all’assessore competente una specifica richiesta di attivarsi per dare celere e sollecita attuazione alle disposizioni previste dal regolamento, ma da allora sono decorsi infruttuosamente circa due mesi senza alcun riscontro. Per questo motivo il gruppo Coerenza e Libertà ha presentato all’assessore Prestifilippo Cirimbolo l’interrogazione, per conoscere le ragioni del mancato riscontro alla proposta relativa alle trasmissioni in streaming del consiglio comunale.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: