“Chi ha ucciso Willy figlio propaganda modello Gomorra”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  



POLITICA





Meloni: Chi ha ucciso Willy figlio propaganda modello Gomorra


“I quattro animali cocainomani che hanno ucciso questo ragazzo non c’entrano niente con la cultura di destra, sono figli di quelli che hanno propagandato modelli come Gomorra, sono figli di quelli dei salotti buoni che con quei modelli ci hanno fatto i milioni, di chi non ha combattuto lo spaccio di droga e di quelli che ci hanno spiegato che la droga non era un problema. Sono modelli che nulla hanno a che fare con noi”. Così la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ospite a ‘Porta a Porta’, in merito all’omicidio di Colleferro.


“Quando ho letto la notizia di Colleferro, da madre, sono rimasta scioccata – spiega ancora Meloni – perché non riesco a immaginare cosa provi una madre a vedere il proprio figlio che muore così. Sono rimasta male. Sono passati due giorni e mi ritrovo mezza sinistra che utilizza la morte di questo ragazzo per attaccare me. Ho letto addirittura un tweet di Rula Jebreal che dice che incitiamo alla violenza contro gli immigrati. Allora qui la questione la pongo io: davvero qualcuno pensa che una come me la vicenda di Willy che muore per non girarsi dall’altra parte, per le battaglie che faccio contro l’immigrazione clandestina debba sentirmi responsabile? Tra l’altro Willy è figlio di immigrati regolari. Ed è normale che la sinistra utilizzi questa storia per fare cinica propaganda? Ed è normale che io che sono madre di una bimba sono il mandante di un omicidio del genere? E se uno decidesse di vendicarlo chi sono i mestatori di odio?”, chiede Meloni.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.




[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]

Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: