Comparto mandorlicoltura al tracollo. Appello Trentacoste (M5S) al ministro Agricoltura e alle Regioni del sud Italia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le Istituzioni preposte si attivino per sostenere il comparto della frutta secca in guscio italiana di qualità, attraverso una distribuzione nelle scuole, nelle mense ospedaliere e nelle strutture sanitarie. Favorire la distribuzione anche da parte dei medici di famiglia”. È questo l’appello del senatore del Movimento 5 Stelle Fabrizio Trentacoste rivolto al Ministro dell’Agricoltura e alle Regioni del Sud, tra queste la Sicilia e la Puglia quali regioni di maggiore produzione di mandorle di qualità.

La situazione attuale richiede provvedimenti urgenti – continua Trentacoste – che consentano al comparto di superare la grave crisi in atto. I prezzi in caduta libera dovuti alla concorrenza straniera, ma anche l’attuale emergenza da Covid-19, stanno mettendo in ginocchio l’intero settore. Basti pensare, ad esempio, alle attuali restrizioni che hanno indotto a una drastica riduzione del consumo di confetti. Da una parte, quindi, una contrazione del mercato dovuta alla pandemia e dall’altra un’inflazione dei prezzi causata da importazioni di mandorle dalla Spagna e dalla California. Il settore della mandorlicoltura del Sud Italia, così come quello di tutta la frutta in guscio prodotta nelle regioni del Mezzogiorno, rischia un vero e proprio tracollo”.

Diversi studi scientifici mettono in evidenza le proprietà salutistiche della mandorla e più in generale della frutta in guscio, – conclude Trentacoste – tra queste: meno colesterolo Ldl (quello cattivo per intenderci), meno processi infiammatori, minor rischio nei pazienti con diabete di tipo 2, minor rischio di tumore del retto-colon, minor rischio di infarto e angina pectoris. Pertanto, la proposta di sostenere la distribuzione di mandorle nei presidi scolastici e ospedalieri, oltre che attraverso i medici di base, oltre che agevolare il settore per affrontare la crisi, aumenterebbe la consapevolezza nei cittadini dell’utilizzo della frutta secca per un corretto regime alimentare”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.