Con una lapide commemorativa il Cirs di Nicosia ricorda il tessitore nicosiano Francesco Grasso, vittima in un campo di concentramento – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Una lapide commemorativa è stata posta all’ingresso della sede di Istruzione e Formazione Professionale C.I.R.S. di Nicosia, intitolata al tessitore nicosiano Francesco Grasso deceduto nel campo di concentramento di Gusen il 13 marzo 1945.

Questa attività nasce da un grande lavoro di squadra delle docenti Agata Farinella, Stefania Catania e Rossana Paolillo e dei tutor Alessandra Gaita e Moreno Mancuso e di tutta la segreteria di sede per il supporto tecnico. L’importanza del ricordare chi ha perso la vita ingiustamente, per una mano meschina che ha operato senza alcun remora o pentimento diventa sempre più importante nell’ambiente scolastico. La nostra Scuola, vuole ricordare affinché passi ai nostri ragazzi il concetto che simili atrocità non debbano mai più ripetersi e che l’umanità intera non debba più macchiarsi di crimini efferati come quelli commessi durante l’olocausto” afferma il direttore dott. Leandro Farinella.

“Non ti dimentico”, questo il nome del progetto, in memoria dell’olocausto ribadisce attraverso le voci di tutti gli studenti l’importanza della memoria e di cosa significhi ricordare. Sono state poste nelle varie sedi scolastiche delle “Pietre di inciampo” realizzate con i nomi dei deportati delle varie città in cui sono state piazzate le lapidi commemorative. “Io non ti dimentico riprende l’idea originale dell’artista tedesco Demning – afferma la coordinatrice del progetto dott.ssa Palmira Maiuzzo – con l’obiettivo di farci fermare attraverso l’atto dell’inciampo, per ricordare e commemorare ancora una volta i nostri concittadini deportati ingiustamente nei campi di sterminio nazisti. Grazie ad una ricerca storica fatta con il prezioso supporto della docente di Italiano e Storia Cinzia Urzì della sede di Misterbianco siamo riusciti a risalire ai nomi dei nostri concittadini deportati. E’ stato un gesto semplice il nostro ma allo stesso tempo vigoroso in quanto si allarga a tutta la cittadinanza.

Nella città di Nicosia erano presenti al momento commemorativo il sindaco Luigi Bonelli, il presidente del consiglio comunale Ivan Bonomo e l’assessore Antonino Mancuso Fuoco.

Tutte le “pietre d’inciampo” sono state realizzate dalla ditta nicosiana “Rugolo Luigi – lavorazioni marmi, graniti e pietre”

La realizzazione di questo meraviglioso progetto non si sarebbe potuta concretizzare senza il supporto e lo stimolo emotivo e concreto della direzione generale dell’ente, nella persona del direttore generale Dott. Salvo Lo Bianco e del direttore didattico Franco Iemmolo, sempre attenti alle realtà territoriali. Si ringraziano altresì i referenti didattici, i responsabili di sede, gli studenti e le loro famiglie che accolgono sempre di buon cuore e con tanto entusiasmo le attività proposte.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.