Conferita la Laurea Honoris Causa al presidente dell’associazione Luciano Lama dall’Università di Banja Luka

Condividi l'articolo su:

Un importante riconoscimento per quanto continua a fare ininterrottamente nel campo della solidarietà e della difesa dei diritti in particolare di bambini e donne nello stato balcanico da circa 28 anni.

E’ quello assegnato all’ennese Giuseppe Castellano Presidente dell’Associazione regionale di Volontariato Ong Luciano Lama a cui nella giornata di lunedì 17 dicembre gli è stata conferita la Laurea Honoris Causa in Scienze della Formazione dall’Università Nobel di Banja Luka in Bosnia Erzegovina.

Alla cerimonia di conferimento tenutasi presso il Centro Culturale Banski Dvor sono stati presenti oltre che i vertici accademici dell’ateneo della capitale della Repubblica Serba di Bosnia, il Vice Rettore dell’Università Kore di Enna il professore Giovanni Tesoriere, i segretari generali delle Camere del Lavoro della Cgil di Siracusa e Ragusa le rappresentanze delle ambasciate e una nutrita delegazione della OnG Luciano Lama che si trova in Bosnia Erzegovina per andare a prelevare i circa 300 bambini che arriveranno in Sicilia con cerimonia di Accoglienza a Monreale ed in altre regioni italiane sabato prossimo 22 dicembre per la 52^ Accoglienza di Bambini Bosniaci e per trascorrere in altrettante famiglie un periodo di vacanze di poco meno di un mese.

L’importante riconoscimento conferito al Presidente Giuseppe Castellano rappresenta un significativo sigillo per tutto l’operato svolto in questi anni in Bosnia dall’Associazione.

«Se al mondo ci fossero più persone come Giuseppe Castellano ci sarebbero meno conflitti e molti più sorrisi sui volti dei bambini”,  ha detto nel suo intervento un rappresentante delle autorità bosniache presenti alla cerimonia.

“Grazie a chiunque abbia creduto e continuerà a credere nel progetto delle accoglienze dei bambini della Bosnia-Erzegovina – cita una nota diramata dall’Associazione Luciano Lama – Insieme abbiamo reso il mondo un posto più felice”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *