Consulta giovanile di Nicosia, per Graziano Rizzo la carica di presidente del sindaco Bonelli è illegittima

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Una storia incredibile, quella della consulta giovanile di Nicosia!” ci scrive Graziano Rizzo, membro della stessa consulta.

La consulta di Nicosia, ideata nel lontano 2001, ha visto un susseguirsi di vicende che si sono protratte nel tempo certamente non in maniera celere. Come ben si sa, il regolamento della consulta giovanile di Nicosia è entrato in vigore dopo due anni dalla sua ideazione, ovvero il 27 dicembre 2003, e solo dopo quasi quattro anni, il suddetto regolamento è stato approvato con delibera consiliare n. 108, era il 12 dicembre 2007. Dopo ben dodici anni, il 6 novembre 2019, si è insediata per la prima volta la consulta giovanile di Nicosia, alla quale hanno partecipato quasi tutti i giovani che sono stati scelti per far parte di quest’organo, il cui scopo, secondo lo statuto della consulta di Nicosia, è quello di <<fornire al sindaco, alla giunta e al consiglio comunale, quando ne siano direttamente investiti dai medesimi organi, il proprio parere motivato, ma non vincolante>>.

Nello stesso statuto (quello del 2003) ancora in vigore, è espressamente scritto che il presidente della consulta dei giovani è il sindaco in carica. Ma come può il sindaco <<fornire al sindaco […] il proprio parere motivato, ma non vincolante>>?

Evidentemente vi è un errore nello statuto.

Ma non solo!

Il 29 ottobre 2019 è stata approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana la legge sull’istituzione delle Consulte Giovanili Regionali e nell’articolo 2 è palesemente scritto che <<non possono fare parte della consulta i sindaci, gli assessori comunali e i consiglieri comunali nonché i deputati dell’Assemblea regionale siciliana e gli assessori regionali>>. – Prosegue Graziano Rizzo.

Per questo motivo, il 7 gennaio 2020, ho protocollato presso il Comune di Nicosia una proposta di modifica dell’articolo 3 e dell’articolo 5 del regolamento della Consulta Giovanile di Nicosia, senza ricevere alcuna risposta dopo ben due mesi.

È evidente che è una carica illegittima, quella del dott. Luigi Bonelli, sindaco di Nicosia, in qualità di presidente della Consulta Giovanile di Nicosia.

Una carica che infrange, che viola, che va contro la legge!”

Per questo motivo, il giovane Rizzo, chiede di rivedere e rendere uniforme lo statuto della consulta giovanile di Nicosia con la legge regionale approvata all’Ars il 29 ottobre 2019.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: