Controlli sul territorio dei carabinieri della compagnia di Piazza Armerina, denunciati un pietrino ed un piazzese – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 25 Luglio 2021

I carabinieri della Compagnia di Piazza Armerina, coadiuvati dal Nucleo Cinofili Carabinieri di Nicolosi, hanno effettuato nelle scorse ore numerosi controlli e perquisizioni.

A Pietraperzia, i militari della locale Stazione, coadiuvati dal Nucleo Cinofili dei Carabinieri di Nicolosi, nel corso di numerosi controlli effettuati nelle zone interessate allo spaccio hanno denunciato un giovane del posto di 23 anni, già noto alle forze dell’ordine, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, poiché nel corso della perquisizione domiciliare, grazie al fiuto di “Zero”, pastore tedesco dell’Arma dei Carabinieri, specializzato nella ricerca di droga, hanno trovato tre piante di marijuana che avevano un’altezza media di 100 centimetri, coltivate in un angolo del balcone e, già in avanzato stato vegetativo, pronte a fruttare numerose dosi per il successivo spaccio.

Nel corso dei servizi del centro abitato di Piazza Armerina, veniva fermato un 49enne del posto. Insospettiti dall’atteggiamento dell’uomo che appariva molto nervoso, i militari procedevano ad effettuare una perquisizione veicolare e personale a seguito delle quali, veniva trovato all’interno di un marsupio un coltello di lunghezza complessiva di 23 centimetri ed un grammo di marijuana. Droga e coltello venivano sequestrati, per l’uomo scattava la denuncia a piede libero per porto, senza giustificato motivo, di armi od oggetti atti ad offendere e l’immediata segnalazione amministrativa al prefetto di Enna, poiché trovato in possesso di sostanza stupefacente per uso personale.

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.