Controreplica della Uil al commissario straordinario dell’Asp di Enna

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giunge in redazione la controreplica del segretario provinciale UIL-FPL delega alla Sanità, Gaetano Faraci, dopo le affermazioni del dottor Iudica a mezzo stampa.

“In relazione al comunicato stampa apparso  a firma del dottor Francesco Iudica sulla UIL ’notizie diffuse, palesemente infondate, tutte vigliaccamente presentate da sembrerebbe..’ si precisa quanto segue: le dichiarazioni del Segretario Generale UIL FPL dottor Giuseppe Adamo  non sono frutto della cicogna ma, di corrette  segnalazioni che   pervengono  in real time da parte di professionisti sanitari  primari, infermieri, che lavorano con estrema difficoltà nei reparti di degenza  nei turni h 24  con amore e senso del dovere verso i pazienti .

Invece di replicare con toni calcistici da Champions League, invitiamo il Commissario Straordinario dottor Francesco Iudica a verificare di persona se ad esempio le U.O. di Medicina e Malattie Infettive sono presenti tutti i farmaci di Urbason 20 mlg, Nitroderm tts 5 mg, ed ad esempio se nell’U.O. di  Oncologia risultano in dotazione  i telini sterili per le medicazioni dei cateteri d’accesso  fondamentali per le somministrazioni della terapia oncologica.

Sicuramente per mera distrazione, il dottor Iudica durante i lavori in VI Commissione Sanità non ha colto nella sua interezza l’intervento a favore del Diritto alla Salute dei cittadini della Provincia di Enna dell’onorevole Luisa Lantieri e dell’onorevole Elena Pagana, la quale ha fatto correttamente rilevare le criticità in relazione a dei farmaci e reattivi non presenti al Chiello di Piazza Armerina.

Non può passare inosservato lo stato d’ansia di alcuni operatori dell’Unità Operativa di Rianimazione del P.O. Umberto I di Enna, a seguito della ipotetica e paventata apertura di un settimo posto di degenza  senza gli accorgimenti e gli standard di sicurezza previsti dalle norme vigenti, come non può passare inosservata la mancanza di spazi destinati all’Unità Operativa di rianimazione dove i  locali tecnici dello  sporco ” forse non dotati di sistemi di areazione  sono a meno di 3 metri dei letti dei pazienti intubati .

 Volevamo, inoltre, far rilevare, che allo stato attuale, in ossequio al Decreto Assessoriale numero 16509 del 16 febbraio 2011 presso l’unità Operativa di Rianimazione, non risulta essere inquadrato nessun Coordinatore Infermieristico nel rispetto delle norme contrattuali e disposizioni imperative di legge.

Senza voler sminuire l’operato di nessuno, per il futuro, invitiamo il dottor Francesco Iudica di verificare personalmente sul campo, nei reparti di cura e di degenza, se tutti i farmaci necessari h24 per le terapie sono stati assegnati come da richieste formulate dai Primari o Capo Sala”.

Il segretario Provinciale UIL FPL delega alla Sanità

Dr. Gaetano Faraci 

</faracidesouza@hotmail.it>


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: