Coronavirus. A Capizzi il gruppo consiliare di minoranza “Coerenza e Libertà” chiede per il 2020 l’abolizione della Tosap e la riduzione delle altre tasse comunali

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I quattro consiglieri di minoranza del gruppo “Coerenza e Libertà”, Antonino Fazio, Anna Carmela Rizzo, Germana Iraci Sareri e Giacomo Leonardo Purrazzo, hanno invitato una nota al sindaco e all’assessore con la delega al bilancio e al commercio per chiedere la soppressione e l’azzeramento per tutto l’anno 2020 della Tosap così da consentire agli esercenti delle attività commerciali di poter richiedere ed ottenere dal Comune la concessione di idonei ed adeguati spazi pubblici, antistanti o adiacenti i propri locali aziendali, dove posizionare tavoli e strutture temporanee, senza alcuna corresponsione di somme. Nella stessa richiesta, il gruppo di minoranza chiede la riduzione della Tari (Tassa sui Rifiuti) per gli esercenti di tutte le attività commerciali che hanno subito un periodo forzato di chiusura imposto dai provvedimenti emergenziali adottati dal Governo, proporzionalmente al periodo in cui sono stati fermi.

I quattro consiglieri di Coerenza e Liberta ritengono che i provvedimenti emergenziali adottati a tutela della salute pubblica dal Governo e dal presidente della Regione siciliana per contrastare l’emergenza epidemiologica causata dal covid-19 stanno incidendo fortemente sul tessuto socio-economico. Tra le categorie particolarmente colpite dai provvedimenti emergenziali (relativamente alla consistente riduzione di fatturato), nonché dalle misure che verranno adottate nella fase 2 (con riferimento ai tempi di riapertura) vi sono, certamente, le imprese e gli esercenti di attività commerciali quali bar, pasticcerie, gelaterie, trattorie, paninerie, pizzerie, pub, e servizi di ristorazione vari. Le misure aodttate potrebbero incidere pesantemente soprattutto sulle piccole attività, che non hanno spazi idonei a garantire le necessarie misure di ‘distanziamento sociale’ tra i clienti;

Per questi moti i consiglieri comunali concludono la loro richiesta chiedendo al sindaco ed agli assessori competenti di volersi immediatamente attivare affinché, unitamente ai responsabili del settore Tributi e Commercio, del settore Vigilanza e del settore Economico-Finanziario, procedano alla adozione dei provvedimenti di competenza, così da consentire a tutti gli interessati di presentare prontamente al Comune la relativa istanza di concessione di suolo pubblico ed all’Ente di individuare gli spazi da concedere a ciascun esercente, prima della riapertura.

Il gruppo Coerenza e Libertà chiede all’amministrazione comunale di Capizzi, inoltre, di volersi attivare affinché siano adottati ulteriori interventi e misure a sostegno ed a tutela di tutti i cittadini (con particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione) e delle imprese, con riferimento al pagamento ed alle scadenze dei canoni, tasse, imposte e tributi di competenza comunale (servizio idrico, rifiuti, …), confidando fin d’ora che tutti i consiglieri comunali – con spirito di unità e collaborazione necessario per affrontare e superare la attuale situazione emergenziale – non faranno mancare il loro sostegno in sede di approvazione degli strumenti di programmazione economica da parte dell’Ente (sempre che siano coinvolti nella fase di predisposizione delle relative proposte).

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: