Coronavirus. A Cerami felice notizia, guariti il sindaco Chiovetta e altri tre concittadini

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ora l’incubo è davvero finito per il sindaco di Cerami, Silvestro Chioveta, che guarito dal Covid-19 è tornato a casa e ha potuto finalmente “riabbracciare” la moglie, le figlie, parenti e amici. Tutto era iniziato il 23 marzo scorso, quando, accusando sintomi critici e problematicità respiratorie, i medici gli hanno comunicato che per lui cominciava la battaglia contro il virus. Era stato il secondo caso che si verificava nella piccola cittadina di Cerami. Questo è lo scotto che, anche senza volerlo, inavvertitamente deve pagare chi, come i medici, gli infermieri, operatori sanitari, volontari, forze dell’ordine, amministratori e sindaci, è in prima fila per vigilare e proteggere la salute pubblica.

Anche se le condizioni di salute del sindaco non sono mai state drammatiche, non ha mai avuto bisogno di terapia intensiva, ha dovuto comunque trascorrere e patire settimane di cure presso l’ospedale  Umberto I di Enna. Durante l’angosciato periodo non gli è mai mancato l’affetto della famiglia, dei parenti più stretti, né la vicinanza degli amministratori, dei consiglieri e dipendenti comunali e dei tantissimi amici (che non nominiamo perché l’elenco sarebbe molto lungo e si potrebbe dimenticare qualcuno) che lo hanno incoraggiato.

Ho vissuto giorni difficili, notti insonni – ha dichiarato Silvestro Chiovetta – in cui speravo di addormentami e svegliarmi per scoprire che ciò che stavo vivendo fosse solo un brutto sogno. Non auguro a nessuno di vivere una situazione del genere. Ma, alla fine, nelle mani di un’efficiente e efficace Direzione sanitaria, avendo intorno bravissimi medici, infermieri, operatori sanitari, cui sono infinitamente grato, ce l’ho fatta, grazie a Dio, a sconfiggere questo maledetto virus”.

All’esito dei tamponi negativi al coronavirus, il primo cittadino di Cerami è stato dimesso e dichiarato finalmente guarito. Con l’assistenza dei “Volontari operatori di soccorso” (Silvana Giordano e Natale Pitronaci) è stato accompagnato nella sua Cerami.

Emozionante il suo ritorno a casa. Ad accoglierlo, oltre alla moglie Marilena, alle due figlie Diletta e Alisia, c’erano alcuni vicini di casa che dal balcone gli hanno manifestato con applausi il “ben ritornato”.

Come da protocollo il guarito dovrà rimanere a casa in isolamento altre due settimane. Un’esperienza che sicuramente Silvestro non dimenticherà, ma che desidera quanto prima lasciarsi alle spalle, e tornare in sella per continuare con una dose d’ottimismo a governare il suo paese.

A distanza di poche ore, alla notizia della guarigione del sindaco se ne è aggiunta felicemente anche di tre altri concittadini che, dimessi perché “virologicamente guariti” dal covid19, hanno potuto lasciare la struttura ospedaliera di Enna, sono tornati a casa.

 

Carmelo Loibiso

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: