Coronavirus. A Nicosia quattro consiglieri di minoranza chiedono la proroga del pagamento dell’Imu

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A seguito dell’epidemia coronavirus, i quattro consiglieri di minoranza, Filippo Giacobbe, Sigismundo Li Volsi, Domenico Scavuzzo e Luciana Spedale, hanno inviato al sindaco di Nicosia e all’assessore al bilancio una proposta che riguarda la proroga del pagamento dell’Imu.

Nella nota inviata all’amministrazione comunale di Nicosia i quattro consiglieri propongono di differire il pagamento dell’Imu al 31 luglio 2020.

Si tratta, secondo i consiglieri di minoranza, di un provvedimento necessario, in quanto i provvedimenti restrittivi adottati a seguito dell’epidemia da covid-19 hanno provocato una drammatica crisi economica e sociale, soprattutto nelle aree interne della Sicilia. Inoltre, solo da poco è stata concessa la riapertura di patronati e degli studi dei consulenti per i calcoli e la compilazione dei modelli riguardanti l’Imu.

Un provvedimento di questo genere, per i consiglieri Giacobbe, Li Volsi, Scavuzzo e Spedale, diventa necessario e urgente, per consentire ai cittadini contribuenti nicosiani e villadoresi di ritornare alla vita quotidiana con un approccio più sereno e distensivo.

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: