Coronavirus. A Nicosia sospesa l’attività dei mercati settimanali e disciplinate le attività commerciali al dettaglio

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 4 Novembre 2020

Il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, ha emesso il 4 novembre un’ordinanza a seguito dell’aggravarsi dell’emergenza coronavirus e dell’aumentare dei casi positivi nel territorio comunale, al fine di contenere la curva epidemiologica in continua ascesa

Per il commercio su area pubblica, il sindaco ha ordinato la sospensione del mercato settimanale del martedì, giovedì e del sabato che si svolge a Nicosia e del mercato settimanale del lunedì che si svolge a Villadoro. Inoltre, ha ordinato la sospensione del commercio ambulante di ogni genere di prodotto e il divieto di esposizione di prodotti alimentari e di ogni genere all’esterno dei locali delle attività commerciali.

Per le attività di commercio al dettaglio il sindaco ha ordinato il mantenimento in tutte le attività del distanziamento interpersonale. L’obbligo per i clienti di indossare la mascherina, così come per i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti e i tutte le fasi lavorative dove non è possibile garantire il distanziamento interpersonale. Garantire un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con prodotti igienizzanti all’ingresso di ogni esercizio. Obbligo dell’uso dei guanti usa e getta nelle attività di acquisto di alimenti e bevande e obbligo di igienizzazione delle mani da parte degli operatori in ogni attività di manipolazione. Accesso regolamentato e scaglionato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, dove possibile, i percorsi di entrata e uscita. A tal fine i titolari dovranno prevedere regole di accesso in base alle caratteristiche dei singoli esercizi commerciali, in modo da evitare assembramenti e assicurare la distanza di almeno un metro di separazione tra i clienti, informando con apposito avviso esposto verso l’esterno del numero massimo di capienza e avendo cura di curarne la piena osservanza e garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata. Garanzia di pulizia e igiene ambientale con frequenza almeno due volte al giorno Infine, si suggerisce la rilevazione della temperatura con rilevatori automatici all’ingresso di ogni esercizio commerciale.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it