Coronavirus. Adamo (Uil-Fpl): “Nella nostra provincia l’emergenza sanitaria è stata affrontata con estrema professionalità da parte di tutti gli operatori scesi in campo”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Abbiamo assistito nell’ultimo periodo ai cosiddetti fuochi incrociati, dove le forze politiche, in un momento così delicato, hanno cercato di misurarsi, sindacato compreso. Ognuno ha cercato di dare sostegno e solidarietà a chi ha dovuto affrontare un momento di grande emergenza sanitaria mondiale quale la “pandemia coronavirus 19”. – afferma il segretario provinciale della Uil Fpl Giuseppe Adamo –

Sarebbe stato auspicabile, invece, in una circostanza così delicata, mettere da parte, con intelligenza, le divergenze, ed estendere tutti insieme, ognuno con il suo modo di fare ed intendere l’appartenenza, un progetto che dovrebbe o “avrebbe dovuto” mettere in risalto i bisogni reali della cittadinanza e di quali servizi dotare il nostro territorio.

La Uil Fpl ha scelto la strada del silenzio (le diatribe politiche non ci appartengono e neanche ci appassionano), ed è per questo che non è mai stato nei nostri pensieri, produrre atti per mettere in discussione nessuna direzione generale ma neanche incensarla, anche perchè questa direzione non ne ha assolutamente bisogno.

Gli operatori hanno bisogno di vera solidarietà per due ordini di motivi, in primis perché gli stessi sono sul campo H 24 ed hanno l’esigenza di serenità quotidiana, secondo, perché quando ci sono Organi Istituzionali dello Stato che entrano in campo ed indagano è  corretto aspettare l’esito dei lavori di pertinenza.

Ci saremmo aspettati, inoltre, un’azione di governo forte per verificare le motivazioni che hanno prodotto focolai d’infezione in alcune aree del territorio che non hanno nulla a che vedere con l’attività svolta dall’Azienda Sanitaria Provinciale.

 Ciò nonostante, nella nostra provincia l’emergenza sanitaria è stata affrontata con estrema professionalità da parte di tutti gli operatori scesi in campo.

 Più volte, la Uil ha chiesto, al direttore generale ed al direttore sanitario aziendale, di trovare delle soluzioni, così come concertato sia sul piano nazionale che sul piano regionale, atte a premiare il lavoro svolto dai sanitari e da quei servizi che hanno contribuito a tale attività. – aggiunge il segretario Uil-Fpl –

Per doverosa ed opportuna conoscenza di tutti gli operatori, giorno 22 aprile si è  tenuta una riunione in videoconferenza dove hanno partecipato la direzione strategica e le Organizzazioni Sindacali (presente anche la UIL FPL) e le argomentazioni poste all’ordine del giorno sono state approvate all’unanimità dai presenti. Queste risorse, é opportuno ribadirlo, senza infiammare i lavoratori esclusi dal progetto COVID-19, fornendo loro notizie non veritiere come strumentalmente qualcuno sta facendo, sono risorse collegate ad un accordo nazionale tra le OO.SS. Confederali ed il Governo, infatti, lo Stato ha già stanziato 20 milioni di euro per la Regione Sicilia.

E’ pur vero che al momento le somme saranno anticipate dall’amministrazione che ha a disposizione una quota di fondi per i progetti di emergenza ed urgenza.

La partita, però, non è ancora finita, per cui a livello aziendale, ma non solo ad Enna, si dovrà concertare la seconda fase ossia quella del rientro graduale, per esempio, del personale amministrativo ed il ripristino delle attività dell’Umberto I e di quelle sottratte ad alcuni nosocomi come la Chirurgia del Basilotta di Nicosia, che negli anni passati, prima dell’avvento della gestione del dottot Iudica, ha subito un declino professionale, declino denunciato dalla sola UIL in tutte le sedi.

Discorso a parte meriterebbe la vicenda dei tamponi, visto l’esiguo numero di laboratori di virologia e biologia molecolare, presenti sul nostro territorio. – conclude il segretario Adamo –

Passata la tempesta, riteniamo che debba essere ripensato, potenziato e riscritto il concetto di Sistema Sanitario Nazionale con un mea culpa della parte politica che ha contribuito negli ultimi vent’anni all’impoverimento del Sistema Sanitario che ha retto solo ed esclusivamente alla abnegazione di quei lavoratori che hanno scritto la storia di questi giorni operando sempre nel rispetto del loro codice deontologico“.

Il segretario generale Uil Fpl

Giuseppe Adamo

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: