Coronavirus. Appello del MDT all’Asp di Enna: “Attrezzare il Basilotta per l’emergenza Covid-19”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ennesimo appello del Movimento per la Difesa dei Territori all’Asp di Enna, l’associazione, presieduta da Fabio Bruno, è fortemente preoccupata per l’emergenza covid-19 e per la mancanza di attrezzature che permettano al nosocomio di Nicosia di essere in pieno un presidio covid-free.

Ci domandiamo come sia possibile che un centro Covid-Free non sia pienamente attrezzato per la diagnostica del Covid-19. – affermano nella nota gli associati di MDT.

Sembrerebbe infatti che il Basilotta di Nicosia sia l’unico presidio dell’ASP4 a non essere attrezzato del macchinario per effettuare l’analisi molecolare, o per meglio dire, un macchinario c’è, ma non è attualmente funzionante, e quindi, per i ricoveri in emergenza e il pronto soccorso, ci si basa in prima istanza sui risultati del tampone rapido, che, non avendo la stessa sensibilità del tampone molecolare, non è abbastanza accurato.

Sono già noti diversi episodi di contagi di sanitari del Basilotta, che sono entrati in contatto con pazienti negativi al tampone rapido ma in seguito risultati positivi all’analisi molecolare.

Questo è ovviamente inaccettabile alle porte di una terza ondata con una variante di Covid-19 molto più contagiosa, che incrementerà la probabilità di accettazione di pazienti contagiati. Tutti i pazienti del Basilotta positivi al Covid devono essere identificati prima dell’ammissione, utilizzando esclusivamente la postazione esterna di pre-triage, da rendere immediatamente funzionale, attrezzandola con personale apposito per il prelievo, e l’analisi deve essere effettuata subito dopo nel laboratorio del Basilotta. Solo così si può garantire la sicurezza di tutti i pazienti e del personale sanitario del presidio”.

Prosegue nella nota il MDT: “Cogliamo l’occasione per ricordare che, sperando per il meglio, ci si deve comunque preparare al peggio (ovvero alla possibilità di dover presto trasformare anche il Basilotta in un centro Covid), allestendo i camminamenti sporco/pulito, rinnovando i macchinari obsoleti utili alla diagnostica del Covid, come ad esempio la TAC (troppo spesso, e ad oggi, in riparazione), e predisponendo un’area Covid a bassa intensità, ad esempio nei locali recentemente rinnovati”.

Infine, MDT conclude l’appello all’Asp di Enna affermando: “Il Basilotta è un presidio ospedaliero che con un piccolo investimento di fondi e di risorse umane può essere attrezzato per essere parte integrante nella gestione dell’emergenza Covid-19 e per portare avanti tutti gli altri servizi essenziali per la zona nord del bacino d’utenza dell’Asp 4”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it