Coronavirus, dalla Cina alla Germania i numeri del contagio

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Coronavirus, dalla Cina alla Germania i numeri del contagio


E’ di 31 nuovi casi confermati e quattro morti il bilancio delle ultime 24 della pandemia di coronavirus in Cina. E’ quanto emerge dalle ultime statistiche diffuse dalla Commissione sanitaria nazionale cinese, secondo la quale 30 dei nuovi casi sono ‘importati’ dall’estero mentre uno solo, nella provincia nordoccidentale di Gansu, è stato trasmesso localmente. Tutti i decessi, ma nessuno dei nuovi casi, sono stati registrati nella provincia di Hubei, epicentro della pandemia. Finora il coronavirus in Cina ha provocato 3.304 morti con 81.740 contagi.


Corea del Sud – In Corea del Sud si sono registrati sei morti e 78 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo ha reso noto il Centro coreano per la prevenzione e il controllo delle malattie (Kcdc), secondo il quale il bilancio complessivo finora della pandemia nel Paese asiatico è di 158 morti e 9.661 contagi. Da ieri, inoltre, sono guarite altre 195 persone portando così a 5.228 il loro numero totale. Riguardo ai nuovi casi, 16 sono stati registrati nella capitale Seul e 14 nella città di Daegu, uno dei luoghi del Paese più colpito dal coronavirus.



India – Sono più di mille i casi di coronavirus in India, 1.071 i contagi confermati dalle autorità, mentre sono finora 29 i decessi accertati. Lo scrive il Times of India citando il ministero della Sanità do Nuova Delhi. Intanto le autorità hanno riferito che non c’è l’intenzione di prolungare il lockdown di 21 giorni imposto per limitare la diffusione del Covid-19.


Pakistan – E’ salito a 1.658 il numero delle persone risultate positive al nuovo coronavirus in Pakistan, dove sono 19 le persone che hanno perso la vita per il Covid-19. Lo rende noto il sito di Dawn, riportando i dati aggiornati dalle autorità sanitarie. La provincia più colpita è ora quella del Punjab, dove si sono registrati 638 casi, 45 nelle ultime 24 ore. Segue la provincia di Sindh con 502 contagi.


Malaysia – Da mercoledì i negozi in Malaysia ridurranno gli orari di apertura, nell’ambito di una serie di misure messe in atto dal governo per limitare la diffusione del coronavirus che nel Paese ha contagiato 2.470 persone e ne ha uccise 35. Nel corso di una conferenza stampa trasmessa oggi via Facebook, il ministro della Difesa malese Ismail Sabri Yaakob ha spiegato che ”tutti i supermercati e i negozi che vendono beni di prima necessità osserveranno nuovi orari di apertura, dalle 8 alle 20”. Inoltre, con le nuove misure restrittive messe in atto per limitare il contagio sono un migliaio le persone arrestate, 800 solo ieri. Oltre 1.500 i posti di blocco allestiti dai militari, mentre dal 18 marzo sono state chiuse le frontiere e la maggior parte delle attività commerciale, con ripetuti appelli delle autorità a stare a casa.


Israele – In Israele vi sono 4347 casi di contagio da coronavirus, 100 più di ieri. Lo ha reso noto il ministero della Salute, precisando 80 di questi sono ricoverati in gravi condizioni. I morti sono 15.


Territori palestinesi – E’ salito a 109 il numero dei casi di coronavirus nei Territori palestinesi, cento in Cisgiordania e nove nella Striscia di Gaza. Lo rende noto il portavoce del governo dell’Anp Ibrahim Milhem, spiegando che l’ultimo caso riguarda un uomo di trent’anni residente nel villaggio di Qatanna a est di Gerusalemme. Anche molti parenti dell’ultimo contagiato erano risultati positivi al Covid-19. Venti sono le persone guarite nei Territori palestinesi, dove si è registrata una vittima, ha aggiunto Milhem. Intanto la città di Hebron ha optato per il lockdown, dal momento che solo ieri sono stati confermati altri tre contagi. ”In base agli ultimi sviluppi riguardo la situazione sanitaria e nell’ottica di combattere la pandemia e ridurre la diffusione del coronavirus, si è deciso di attuare misure di precauzione e preventive a Hebron a partire dal 30 marzo e fino a ulteriore avviso”, ha detto in una nota il governatore Jibrin Bakri.


Kuwait – Sono 255 i contagi da coronavirus confermati in Kuwait, dove 72 persone sono guarite. Lo ha reso noto su Twitter il ministro della Sanità Basel al-Sabah, confermando che finora bel Paese non si è registrata alcuna vittima. Il governo ha messo in atto una serie di misure per contenere la diffusione del Covid-19, sospendendo tutti i voli internazionali e chiudendo scuole e università fino ad agosto.


Emirati – Sono 102 i nuovi casi di coronavirus negli Emirati Arabi Uniti nelle ultime 24 ore, portando così a 570 il totale dei contagi. Lo ha reso noto il ministero della Sanità, segnalando anche una nuova vittima. Si tratta di una donna di 47 anni che soffriva di altre patologie croniche. Salgono così a tre i decessi negli Emirati per Covid-19.


Marocco – Sono 37 i nuovi casi di coronavirus registrati in Marocco nelle ultime 24 ore. Lo ha annunciato il ministero della Sanità di Rabat sul sito ‘covidmaroc.ma’, precisando che il numero complessivo dei contagi, aggiornato a stamattina, è di 516. Il governo marocchino ha sottolineato che c’è stato anche un nuovo decesso che ha portato a 27 i morti a causa della pandemia nel Paese, mentre i guariti sono stati 13. La regione più colpita dai contagi è stata con 149 quella di Casablanca-Settat.


Iran – L’Iran ha visto morire altre 117 persone nelle ultime 24 ore a causa del nuovo coronavirus, portando a 2.757 il totale delle vittime. Lo rende noto il portavoce del ministero della Sanità iraniano Kianush Jahanpur alla televisione di Stato, aggiornando a 41.495 i contagi nella Repubblica islamica. ”Nelle ultime 24 ore abbiamo avuto altre 117 morti e 3.186 nuovi casi confermati di persone contagiate dal coronavirus”, ha detto Jahanpur, ribadendo l’appello agli iraniani a restare a casa.


Libano – E’ salito a 446 il numero dei positivi al coronavirus in Libano. Lo ha riferito il ministero della Sanità di Beirut, dando notizia di 19 nuovi contagi nelle ultime 24 ore. La stessa fonte, citata dai media locali, ha precisato che si è registrato anche un decesso che ha portato a 11 i morti causati dalla pandemia nel Paese.


Africa – Sale a 146 il numero dei morti con coronavirus in Africa. I dati diffusi stamani dal Centro di controllo delle malattie dell’Unione Africana (Cdc Africa) confermano che restano 46 i Paesi del continente colpiti dalla pandemia con un totale di almeno 4.760 casi di infezione. Ci sono anche le buone notizie: sono 335 le persone guarite dopo aver contratto la Covid-19. Secondo gli ultimi dati sono 19 i Paesi in cui si registrano vittime: Egitto (40), Algeria (31), Marocco (26), Burkina Faso (12), Tunisia (8), Repubblica democratica del Congo (8), Ghana (5), Mauritius (3), Sudan (2), Camerun (2), Kenya (1), Gambia (1), Gabon (1), Zimbabwe (1), Capo Verde (1), Nigeria (1), Niger (1), Togo (1) e Sudafrica (1). I Cdc riferiscono di una vittima in Sudafrica nonostante il 27 marzo le autorità sanitarie del Paese avessero confermato il decesso di due persone a causa del coronavirus.


Germania – E’ salito a 57.298 il numero dei contagi da Covid-19 in Germania, con 4.751 nuovi casi in un giorno. Lo rende noto il Robert Koch Institute (Rki), aggiornando a 455 il numero delle vittime, con 66 morti nelle ultime 24 ore.


Spagna – In Spagna 812 persone sono morte con coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo riporta El Mundo, sottolineando come il bilancio pesantissimo sia comunque leggermente inferiore rispetto a quello diffuso ieri (838 vittime). I casi confermati sono 85.195. In totale sono 7.340 le vittime in Spagna da quando il ministero della Sanità ha iniziato a registrare i decessi di pazienti con coronavirus. La regione di Madrid, sottolinea ancora El Mundo, resta la più colpita con un bilancio di 3.392 morti e 24.090 casi registrati di Covid-19. I dati riportati dal giornale parlano anche di 16.780 persone guarite in tutto il Paese. Sono invece 5.231 le persone

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: