Coronavirus. I segretari dei circoli PD di Nicosia e Villadoro scrivono al sindaco: “Tuteliamo la salute dei nostri netturbini”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I segretari dei circoli PD, Antonello Catania e Domenico Scavuzzo, scrivono al sindaco di Nicosia una lettera aperta con la quale chiedono la tutela della salute dei netturbini impegnati nelal racolta dei rifiuti nel territorio nicosiano.

I due segretari richiamano la nota protocollo nr. 8293 del 12 marzo 2020 dell’Istituto Superior di Sanità avente per oggetto “Rifiuti extra ospedalieri da abitazione di pazienti positivi al SARS-Cov-2 in isolamento domiciliare” che formula le linee indirizzo improntate sul principio di cautela su tutto il territorio nazionale così come previsto dal D.P.C.M del 9 marzo 2020. Si legge infatti “si raccomanda che nelle abitazioni in cui sono presenti soggetti positivi al tampone, in isolamento o quarantena obbligatoria, sia interrotta la raccolta differenziata, ove sia in essere, e che tutti i rifiuti domestici, indipendentemente dalla loro natura, includendo fazzoletti, rotoli di carta, teli monouso, mascherine e guanti, siano considerati indifferenziati e pertanto raccolti e conferiti insieme; per la raccolta dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti uno dentro l’altro o in un numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica.[…] i rifiuti indifferenziati dovranno essere gestiti come da procedure vigenti sul territorio e, ove siano presenti impianti di termodistruzione, deve essere privilegiato l’incenerimento, al fine di minimizzare ogni manipolazione del rifiuto stesso”.

Inoltre aggiungono la normativa prevista dall’art. 191 del D.lgs. nr.152 del 3 aprile 2006: “qualora si verifichino situazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute e dell’ambiente, e non si possa altrimenti provvedere, il Presidente della Giunta Regionale o il Presidente della provincia ovvero il Sindaco possono emettere, nelle rispettive competenze, ordinanze contingibili ed urgenti per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga alle disposizioni vigenti, nel rispetto, comunque, nelle disposizioni contenute nelle direttive dell’Unione Europea, garantendo un elevato livello di tutela della salute e dell’ambiente”.

I segretari Catania e Scavuzzo invitano il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, ad adottare tutte le misure, a protezione degli operatori ecologici e di tutta la cittadinanza, per dettare le modalità operative di gestione e raccolta dei rifiuti urbani in due tipologie e precisamente: rifiuti urbani prodotti nelle abitazioni dove soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria. In questo caso è sospesa la raccolta differenziata dell’utenza interessata e tutti i rifiuti domestici sono considerati rifiuti indifferenziati e raccolti insieme. Fazzoletti, rotoli di carta, mascherine e guanti utilizzati dovranno essere smaltiti anche come rifiuti indifferenziati, dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti, uno dentro l’altro e chiusi con guanti monouso, utilizzando legacci o nastro adesivo.

Rifiuti urbani prodotti dal resto della popolazione, in abitazioni dove non soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria. In questo caso, a scopo cautelativo, bisogna applicare le indicazioni dell’Istituto superiore di sanità, che suggerisce di non interrompere la raccolta differenziata, ma a scopo cautelativo, fazzoletti, rotoli di carta, mascherine e guanti utilizzati dovranno essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati. Inoltre, dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti, uno dentro l’altro, si raccomanda di chiudere i sacchetti con guanti monouso, utilizzando legacci o nastro adesivo e di smaltirli come da procedure già in vigore.

In questi momenti di giusta preoccupazione è bene che ogni cittadino sia correttamente informato e non sia preda di false notizie atte a sviare l’attenzione sulla tematica del contenimento del contagio, ma soprattutto sulla corretta interpretazione delle norme di comportamento da seguire. – affermano i segretari del PD di Nicosia e Villadoro – A tal proposito facciamo appello al senso civico dei nostri concittadini, indispensabile per contenere il fenomeno. Non temiamo i momenti difficili. La rinascita può venire dal loro superamento, come la storia ci insegna. Oggi l’unico modo per evitare la diffusione del virus è rimanere a casa e uscire solo per necessità. – concludono Catania e Scavuzzo – Chi non lo fa mette a rischio la propria salute, dei propri cari e della cittadinanza nicosiana e villadorese”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: