Coronavirus. La Sicilia avvia screening epidemiologico, in distribuzione 27.000 tamponi in 19 ad ospedali e 118

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Dipartimento regionale della Protezione civile in Sicilia sta provvedendo in queste ore alla distribuzione nelle varie province di 27.000 kit per effettuare il test diagnostico che consente di capire se si è positivi o meno al COVID 19. Destinatari della fornitura saranno gli ospedali della Sicilia‚ le ASP e il 118.

I test sierologici‚ ritenuti complementari al tampone verranno condotti – come indicato dal Comitato tecnico scientifico per l’emergenza COVID in Sicilia – su precise categorie‚ in particolare sul personale sanitario si effettueranno i test sierologici quantitativi‚ mentre per le persone che popolano le Rsa‚ le Cta‚ le Case di riposo‚ si procederà con i test sierologici qualitativi cioè con le card.

Nello screening epidemiologico‚ che la Regione condurrà attraverso la supervisione del dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico dell’assessorato alla Salute‚ sono previsti test per le Forze dell’ordine‚ per gli uffici pubblici‚ la popolazione carceraria e comunque su una porzione significativa della cittadinanza siciliana.

Intanto nei prossimi giorni – come ha appena annunciato il Presidente della Regione Musumeci – verrà messo in campo uno screening epidemiologico attraverso test sierologici specifici che consentiranno di monitorare l’andamento del contagio e che ci consentiranno di osservare il fenomeno da una prospettiva più ampia.

Il tampone faringeo‚ che è lo strumento ad oggi usato per la diagnosi del Coronavirus (o COVID-19)è un esame non invasivo‚ indolore‚ veloce ed esaustivo‚ viene effettuato sui soggetti che presentano sintomi riconducibili al Coronavirus quali tosse‚ starnuti‚ difficoltà respiratorie e temperatura corporea superiore ai 37‚5 gradi.

Come viene effettuato il tampone?

Il test consiste nel prelievo‚ effettuato attraverso un bastoncino cotonato‚ di materiale biologico (mucosa) presente nelle prime vie respiratorie – in questo caso la faringe – che è la zona migliore dove indagare per verificare la presenza di eventuali agenti patogeni e virus.

Il risultato di positività al COVID 19 riscontra nelle vie respiratorie la presenza di virus vivo definendo il soggetto in una condizione di contagiosità.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: