Coronavirus. Maurizio Prestifilippo (presidente provinciale Confcommercio): “Ci auguriamo che le nostre strutture ospedaliere vengano realmente potenziate”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Confcommercio Enna auspica che la grave crisi del coronavirus possa servire almeno a migliorare la situazione della Sanità nel nostro territorio”.

È questo il primo commento a caldo del Presidente di Confcommercio Enna Maurizio Prestifilippo alle notizie che circolano in merito al potenziamento delle strutture ospedaliere di Leonforte, Nicosia e Piazza Armerina.

La politica in questi anni ha pensato soltanto a ridimensionare i costi, tagliando risorse alla cieca e depauperando pericolosamente i territori. Oggi, alle preoccupazioni della pandemia del coronavirus, si aggiunge la consapevolezza di essere estremamente vulnerabili a causa di una rete sanitaria inadeguata alle aspettative ordinarie, figuriamoci ad affrontare un’emergenza di tali dimensioni – sostiene il Presidente Maurizio Prestifilippo – Ci auguriamo che i proclami si trasformino in fatti concreti e che le nostre strutture ospedaliere vengano realmente potenziate e messe nelle condizioni di servire adeguatamente gli utenti di un territorio ampio e articolato”.

Confcommercio Enna chiede che i politici del nostro territorio non abbassino la guardia e verifichino costantemente che le promesse del momento vengano mantenute”.

La speranza è che tutti gli accorgimenti e i sacrifici personali e professionali possano servire ad arginare la catena dei contagi e che si possa tornare velocemente alla normalità – conclude Maurizio Prestifilippo – Di questa terribile esperienza, ai politici rimanga la consapevolezza che il taglio dei costi non si può effettuare a discapito dell’incolumità dei cittadini”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *