Coronavirus. Messaggio del parroco don Antonio Cipriano alla comunità di Capizzi

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Carissimi parrocchiani,

è mio ardente desiderio, servendomi di questa lettera, bussare con profondo rispetto alle vostre porte ed in punta di piedi fare ingresso nelle vostre case, per portare ad ognuno di voi il mio più sentito messaggio di conforto. Le autorità civili ed il sindaco in particolare sono schierati in prima linea per fronteggiare la crisi sanitaria in atto e pertanto lascio a loro l’arduo compito di veicolare (come già dimostrato in questi giorni) i dovuti inviti alla comunità per garantire il più scrupoloso rispetto delle disposizioni vigenti.

Io, da parte mia, sento il bisogno di starvi il più vicino possibile invitandovi, non solo ad osservare le regole civili, ma soprattutto a brandire in questo evidente momento di prova i capisaldi su cui nostro Signore Gesù Cristo ha voluto edificare la sua Chiesa.

Ora più che mai abbiate il coraggio di manifestare la vostra Fede; ora più che mai fate tesoro dei Suoi precetti di solidarietà e misericordia verso il prossimo, sia esso in difficoltà che nell’errore; ora più che mai sforziamoci a ricordare ed emulare la profondissima docilità cui Egli chiese perdono per i suoi stessi carnefici.

Ecco dunque il mio appello al perdono, alla carità cristiana ed alla solidarietà reciproca per far sì che questa faticosa via sia percorsa con dignità e sia sprone per la comunità capitina ad avvicinarsi ancora di più agli insegnamenti del Vangelo, lo stesso Vangelo che il nostro Protettore San Giacomo il Maggiore impugna con rigore e ostenta da secoli alla sua città.

Approfitto di questo messaggio spirituale per comunicarvi che la Parrocchia dei Santi Nicolò e Giacomo è anche materialmente a vostra disposizione: non abbiate né timore né inibizione alcuna a bussare alla mia porta per estreme necessità e sentitevi liberi di chiedere qualsiasi forma di aiuto, io (per quanto possibile) proverò a supportare la mia comunità, come il Buon Padre con i propri figli.

Concludo dandovi la mia benedizione ed esortandovi ad affrontare questa aspra salita ad imitazione di San Giacomo pellegrino: con umiltà e determinazione, avanzando instancabilmente munito unicamente del suo bordone e della forza nella Fede in Cristo”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.