Coronavirus, quasi 3000 morti in Italia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Coronavirus, quasi 3000 morti in Italia


Altri 475 morti per coronavirus in Italia. Il totale dei decessi sfiora ormai quota 3000: le vittime sono 2978. Quello di oggi è il dato più alto di vittime che si registra dall’inizio dell’emergenza. I nuovi guariti sono 1084, il numero complessivo è 4025. I positivi in Italia sono 28710, considerati i 2648 in più rispetto alle cifre rese note ieri. 12090 sono in isolamento domiciliare, 2257 in terapia intensiva. Sono i dati diffusi da Angelo Borrelli, commissario straordinario per l’emergenza.


I dati dell’emergenza in Italia



“Nei numeri di oggi manca la Regione Campania, saranno inseriti domani”, ha spiegato il commissario straordinario. “Quello di oggi è un numero di guariti veramente importante – ha detto ancora Borrelli nel corso del punto stampa quotidiano – si tratta del 37% in più rispetto a ieri”.


Secondo i dati forniti dalla protezione civile sulla base del monitoraggio sanitario, ad oggi in Italia sono stati 35713 i casi totali, mentre al momento 28710 persone risultano positive al virus in tutto il territorio nazionale. Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 12266 in Lombardia, 3915 in Emilia-Romagna, 2953 in Veneto, 2187 in Piemonte, 1476 nelle Marche, 1291 in Toscana, 744 in Liguria, 650 nel Lazio, 423 in Campania (dato non aggiornato), 416 in Friuli Venezia Giulia, 436 nella Provincia autonoma di Trento, 366 nella Provincia autonoma di Bolzano, 362 in Puglia, 267 in Sicilia, 249 in Abruzzo, 241 in Umbria, 162 in Valle d’Aosta, 132 in Sardegna, 126 in Calabria, 21 in Molise e 27 in Basilicata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: