Coronavirus, Ue lancia fondo da 25 miliardi

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Coronavirus, Ue lancia fondo da 25 miliardi


La Commissione europea creerà un ‘Coronavirus Response Investment Fund’, dedicato “ai sistemi sanitari, alle piccole e medie imprese e al mercato del lavoro. Sarà consistente”, per un totale di “25 mld di euro” che potranno essere mobilitati “rapidamente”. Lo dice la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Bruxelles dopo la videoconferenza dei capi di Stato e di governo dell’Ue sulla Covid-19.


Useremo tutti i mezzi a disposizione per assicurare che l’economia europea passi questa tempesta“, ha fatto sapere von der Leyen. “Ci assicureremo che gli aiuti di Stato vadano alle imprese che ne hanno bisogno -continua- faremo pieno uso della flessibilità che esiste nel patto di stabilità. Presenterò idee concrete prima l’Eurogruppo di lunedì prossimo. Su entrambi i fronti chiariremo le regole del gioco molto rapidamente: ci saranno linee guida entro la fine della settimana”.



L’epidemia di Covid-19, prosegue von der Leyen, ha una “dimensione umana molto significativa” e potrebbe avere “un grande impatto economico. E’ quindi essenziale che agiamo in modo molto deciso per contenere la diffusione del virus e per contenere gli effetti sull’economia”. La Commissione, aggiunge, “sta lavorando pancia a terra su entrambi i fronti. Coordineremo le misure nella conferenza giornaliera con ministri dell’Interno o della Salute. Raccoglieremo poi una squadra di epidemiologi e virologi di diversi Paesi per avere linee guida su base regolare. Stiamo valutando”, anche con l’aiuto dell’industria, “lo stato degli approvvigionamenti di materiale medico” nell’Ue, cosa che è “cruciale” per decidere come muoversi.


“Dai leader Ue ampio sostegno per le misure adottate dall’Italia per l’emergenza #coronavirus. Dobbiamo procedere con il massimo coordinamento. L’Europa adotti tutti gli strumenti necessari per proteggere la salute dei suoi cittadini e ridare respiro all’economia”, scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte.


Fonti di palazzo Chigi spiegano che il premier è intervenuto oggi pomeriggio alla videoconferenza tra i capi di Stato e di governo dei Paesi membri del Consiglio europeo per fare il punto sull’emergenza coronavirus. Conte, spiegano tra l’altro le stesse fonti, ha auspicato per l’Europa lo stesso approccio in corso in Italia: affrontare con decisione l’aspetto sanitario e contemporaneamente gli aspetti economico/finanziari.


Dalla riunione in videoconferenza è emersa l’esigenza di uno stretto coordinamento in materia sanitaria e scientifica per contrastare la diffusione del coronavirus, sottolineano fonti di palazzo Chigi. Dai leader Ue è stato espresso un generale apprezzamento per le misure adottate dall’Italia, anche con la diffusa consapevolezza di dover intervenire in modo efficace sul piano economico e finanziario.


Le stesse fonti spiegano che sul piano sanitario si è auspicato: un’armonizzazione europea dei protocolli di trattamento delle persone che provengono da aree colpite dal virus in tutti gli Stati Membri, non solo in Italia; la fornitura e ridistribuzione centralizzata europea di apparecchiature mediche nelle aree più bisognose. Inoltre, esportazioni di attrezzature mediche tra gli Stati membri senza restrizioni; la ricerca deve essere sostenuta a livello europeo sulle nuove terapie e nella direzione dei vaccini.


In merito alle azioni economiche, invece, sempre fonti di palazzo Chigi spiegano che i punti fondamentali sono stati:


1) questa è un’emergenza europea che richiede una risposta a livello dell’Unione europea. Stiamo affrontando il rischio di una rapida diffusione del virus negli Stati membri dell’Ue.


2) L’Ue deve ricorrere a tutti gli strumenti di politica fiscale e monetaria disponibili. Occorre coordinare l’azione con la BCE.


3) È necessario fornire un sostegno immediato e sostanziale ai sistemi sanitari e alle imprese e alle famiglie interessate. Sono inoltre necessarie misure, esercitate attraverso il canale della liquidità, per mitigare l’impatto economico.


4) Allo stesso tempo, dobbiamo dare una spinta significativa agli investimenti pubblici in Europa per sostenere la piena ripresa, una volta usciti dalla crisi epidemica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: