Crisi governo, Zingaretti: "Evitato salto nel buio"  

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Il leader Pd: “Ora dobbiamo gestire piano vaccinale, dobbiamo discutere il recovery, dobbiamo concentrarci sui problemi degli italiani, vuol dire affrontare le emergenze”

alternate text
(Foto Fotogramma)
(Adnkronos)

“E’ stato evitato un salto nel buio, ora dobbiamo gestire piano vaccinale, dobbiamo discutere il recovery, ora dobbiamo concentrarci sui problemi degli italiani, vuol dire affrontare le emergenze”. Lo dice Nicola Zingaretti, ospite di radio Immagina.


Leggi anche
  • Governo ottiene la fiducia. Conte: “Subito al lavoro”

  • Governo, fiducia in Senato con 156 voti

  • Conte a Renzi: “Avete scelto la strada dello scontro”

“Si apre la sfida prioritaria del buon governo, dobbiamo costruire prospettiva politica, esito voti conferma che non c’era altra ipotesi di governo”, sottolinea il leader Pd aggiungendo: “Con il premier Conte ci siamo sentiti ieri sera”. “Mi sembra – afferma – che c’è consapevolezza di voler dare segnale di concretezza per l’emergenza e di affrontare i nodi politici”. “Il Pd – rivendica – ha dato il suo contributo, l’Italia ha potuto contare su un Pd unito e unitario, una cosa che ha fatto la differenza”.

“La buona politica deve toccare il gomito delle persone, ne deve percepire sofferenza e voglia di riscatto, non deve salire, come si diceva, sul dirigibile”, sottolinea Zingaretti. La politica “deve forgiare una nuova classe dirigente italiana”.

“Punto a ottenere risultati che si ottengono rendendo protagonista una comunità, la classe dirigente”, afferma ancora Zingaretti rispondendo a una domanda sul suo essere riservato. “Io – aggiunge – sono sempre stato eletto dai cittadini, dalla provincia, alla Regione”.



Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.