Dati macro e trimestrali fanno affondare la Borsa di Milano

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Piazza Affari chiude in forte calo


Le indicazioni in arrivo dall’economia reale fanno sprofondare i listini azionari. Anche se un peggioramento era già stato messo in conto, i dati che fotografano il fortissimo deterioramento del contesto macroeconomico e i numeri trimestrali dei big di Wall Street hanno penalizzato l’andamento dei listini europei facendogli terminare la seduta ai minimi di giornata.


In particolare, risultati particolarmente negativi sono arrivati dai dati statunitensi su vendite al dettaglio (-8,7% mensile) e produzione industriale (-5,4%, dato peggiore dal 1946) e dai risultati trimestrali di colossi del calibro di Bank of America, Goldman Sachs e Citigroup. Tenendo anche conto delle trimestrali presentate ieri da JPMorgan e Wells Fargo, il calo degli utili in tutti i casi è stato di oltre 40 punti percentuali.



Indicazioni particolarmente negative anche per il petrolio, in rosso del 7,2% a 27,48 dollari il barile per quanto riguarda il Brent e in calo del 2,8% a 19,5 $ nel caso del WTI. Secondo le indicazioni contenute nell’ultimo report dell’Agenzia Internazionale dell’energia (IEA, International Energy Agency), “anche nel caso in cui le restrizioni alla circolazione fossero allentate nella seconda metà dell’anno, […] la domanda di petrolio nel 2020 scenderà di 9,3 milioni di barili al giorno rispetto a 12 mesi prima, cancellando quasi un decennio di crescita”.


A Milano, dove il Ftse Mib ha terminato a 16.719,07 punti, -4,78% rispetto al dato precedente, Eni ha chiuso con un -6,38%, Tenaris è scesa del 4,49% e Saipem ha lasciato sul campo l’8,58%. Pesante anche Enel (-3,72%) e -1,77% di Terna.


La nuova risalita dello spread, cresciuto di 28 a 240 punti base, ha depresso i bancari: UniCredit ha terminato con un -6,73%, Intesa Sanpaolo ha perso il 4,11% e l’accoppiata formata da Banco BPM e BPER ha rispettivamente segnato un -5,85 e un -7,36 per cento.


In controtendenza Diasorin (+7%), ancora premiata dalla realizzazione del test per l’identificazione degli anticorpi Covid-19. (in collaborazione con money.it)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: