Dedicata al sommo poeta Dante la XXVII edizione di Nicosia in fiore – FOTO e VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 13 Giugno 2021

Nicosia comincia a prendere vita dopo i lockdown dovuti alla pandemia da covid-19 e lo fa con la Fidapa, presieduta in questo biennio da Patrizia Castrogiovanni, che anche quest’anno non si è tirata indietro ed ha organizzato la XXVII edizione di “Nicosia in fiore”, la manifestazione nicosiana più longeva e di sicuro spessore, quest’anno dedicata ai 700 anni dalla morte del sommo poeta Dante Alighieri padre della lingua italiana ed autore della Divina Commedia.

La celebre opera di Dante fa da tema per l’Infiorata nicosiana 2021, che quest’anno prende il titolo “Dante e le donne nella Divina Commedia”.

Come lo scorso anno i quadri dell’infiorata sono stati realizzati in diversi punti della città. Una “Nicosia in fiore” itinerante per evitare assembramenti e per rispettare le norme anti-covid ancora in vigore.

Come ogni anno la kermesse parte il sabato pomeriggio con la realizzazione dei bozzetti. Centinaia le persone impegnate fino a notte fonda per terminare il loro quadro. nessuno si è tirato indietro e tutti gli artisti hanno dato il massimo, così come è avvenuto sempre ogni anno.

La mattina di domenica 13 giugno lo spettacolo delle diverse piazzette e vie che hanno ospitato la manifestazione è impressionante. Il vescovo della Diocesi di Nicosia, Salvatore Muratore ha impartito la benedizione ed una preghiera rivolta agli artisti ed alle socie della Fidapa di Nicosia.

In piazzetta Valguarnera i soci dell’Ecomuseo Petra D’Asgotto hanno realizzato un quadro dedicato a Pia De’ Tolomei che Dante colloca nel quinto canto del Purgatorio.

Proseguendo il percorso si giunge in via Li Volsi sede classica dell’infiorata in questo luogo partendo dal basso la Fidapa ha realizzato il classico quadro di benvenuto con la scritta “Nicosia in fiore 2021”. Il secondo quadro riprende la frase dell’ultimo canto dell’Inferno “E quindi uscimmo a riveder le stelle”. Il terzo quadro rappresenta la classica iconografia del sommo poeta Dante Alighieri. Il quarto quadro riprende la frase dell’ultimo canto del Purgatorio “puro e disposto a salire a le stelle”. Il quinto quadro rappresenta il simbolo della Fidapa. Il sesto quadro riprende la frase dell’ultimo canto del Paradiso “L’amor che move il sole e l’altre stelle”. Infine, l’ultimo quadro realizzato nella salita di via Li Volsi rappresenta lo stemma di Nicosia, realizzato dall’amministrazione comunale, con l’aiuto di diversi consiglieri comunali.

Proseguendo verso la via Fratelli Testa, ai piedi della chiesa di Sant’Antonio Abate, il Lions club di Nicosia ha realizzato un quadro che rappresenta Matelda, personaggio inserito da Dante nel XXVIII canto del Purgatorio.

In piazzetta San Calogero il DSM di Nicosia, Centro di aggregazione “Una finestra sul mondo con la Cooperativa sociale Solidarietà Erbitense“ ha realizzato un quadro che rappresenta Beatrice, la donna amata da Dante, ispiratrice e musa del poeta fiorentino.

Nella piazzetta dell’ex Pescheria il maestro Maurizio Cannizzo, presidente dell’associazione Madonnari di Sicilia, ha realizzato un quadro diverso dalla solita tradizione che rappresenta la Madonna descritta nel Paradiso dantesco.

In piazza Garibaldi sono ben quattro i quadri realizzati un colpo d’occhio fenomenale, con il balcone centrale del palazzo comunale che con uno striscione annuncia lo svolgimento della manifestazione. Il primo quadro è stato realizzato dall’associazione Dacosa Nascecosa e rappresenta Cleopatra, la celebre regina egizia inserita da Dante nel quinto canto dell’Inferno. Il secondo quadro è stato realizzato dalla Cooperativa sociale Nikos e rappresenta i due amanti Paolo e Francesca, inseriti da Dante nel quinto canto dell’Inferno. Il terzo quadro è stato realizzato dal CTA La Pagoda e rappresenta Santa Lucia, a cui Dante era particolarmente devoto, inserita nel secondo canto dell’Inferno, nel IX canto del Purgatorio e nel XXXII canto del Paradiso. Infine, il quarto quadro realizzato dalla Comunità San Felice, rappresenta Fortuna, inserita da Dante nel VII canto dell’Inferno.

Come ogni anno a corredo della manifestazione la Fidapa ha inserito altri eventi. Ha allietato i visitatori dell’infiorata il maestro Salvatore Lo Votrico che con il suo pianoforte ha suonato diversi brani popolari.

La scuola primaria del primo circolo Vaccalluzzo di Leonforte all’interno del Palazzo di Mallia ha esposto dei lavori realizzati dagli alunni “In viaggio con Dante Alighieri… il sommo poeta”.

Una mostra con tutte le foto delle passate edizioni di “Nicosia in fiore” è stata esposta nella piazza antistante la chiesa del Carmine.

L’edizione 2021 di Nicosia è stata inaugurata con la presenza del sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, presente la presidente della Fidapa di Nicosia, Patrizia Castrogiovanni e Maria Ciancitto, presidente del distretto Sicilia della Fidapa.

Sono seguiti alcuni brani recitati della Divina Commedia curati dal professore Michele Di Fini e da Tiziano Burrafato.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it