Distretto socio-sanitario D23 Nicosia, pubblicato l’avviso per la presentazione della domanda di accesso al Servizio di assistenza Educativa Domiciliare (SED)

Condividi l'articolo su:

Gli utenti dei Comuni di Nicosia, Capizzi, Cerami, Gagliano, Sperlinga e Troina, potranno presentare, entro le 12 del 7 maggio 2021, la domanda di accesso al Servizio di assistenza Educativa Domiciliare (SED), lo rende noto Pino Castello, assessore ai Servizi sociali del Comune di Nicosia.

Il Servizio di Educativa Domiciliare rappresenta una forma di intervento specifico per la prevenzione di situazioni di crisi e di rischio psico-sociale, individuale e familiare con l’obiettivo di affiancare il minore e la sua famiglia con figure professionali per contribuire alla costruzione di un valido percorso di crescita che supporti le dinamiche relazionali all’interno e all’esterno della famiglia e favorisca f inserimento sociale; creare le condizioni per la deistituzionalizzazione, sostenendo la famiglia nel suo ruolo educativo e favorendo l’attivazione delle reti primarie.

Il Servizio di Assistenza Educativa domiciliare è rivolto a circa 10 famiglie con minori, in stato di disagio, ed è finalizzato a contrastare il deterioramento della qualità delle relazioni familiari attraverso: la socializzazione del minore; il sostegno alle funzioni genitoriali; la promozione delle risorse del minore al fine di svilupparne l’autonomia; lo stimolo alla progettualità futura del minore; la facilitazione dei contatti tra la famiglia e i servizi; l’educazione dei minori (all’igiene, all’uso del tempo libero, etc); l’offerta di modelli relazionali di riferimento tra i membri del nucleo familiare ; il sostegno scolastico (riguardo ad apprendimenti su obiettivi didattico-educativi); l’integrazione socio-culturale.

Il servizio ha durata annuale e sarà erogato sotto forma di voucher spendibili presso enti e organismi accreditati con il Distretto 23 per il servizio di educativa domiciliare. Il servizio sarà svolto per circa 4 ore settimanali, dal lunedì al venerdì (esclusi i festivi) secondo un piano orario che sarà concertato con la famiglia, il tutore o l’esercente la potestà parentale

Al SED possono accedere i minori e relativi nuclei familiari residenti in uno dei Comuni del Distretto 23 che versano in una situazione di disagio, abbandono educativo, pregiudizio e/o rischio evolutivo del minore dovuto alle difficoltà del nucleo familiare carente nell’esplicazione delle funzioni e ruoli genitoriali sotto l’aspetto educativo, socio-relazionale, affettivo e materiale; minori collocati in affidamento familiare; difficoltà relazionali, di socializzazione, comportamentali e di apprendimento all’interno del gruppo dei pari e/o del contesto di vita quotidiano, determinate da condizione di media e lieve disabilità, ovvero in condizioni di ridotte capacità logico-cognitive e/o di handicap sensoriale, compresi i minori affetti da DSA o BES. Lo stato di disabilità e/o di difficoltà, di cui innanzi, deve essere opportunamente documentato, in fase di presentazione della domanda, mediante verbale di accertamento sanitario e/o di altra documentazione medico specialistica.

Il SED contempla 1’erogazione al domicilio di interventi personalizzati socio-educativi rivolti al minore, tesi a favorire la crescita e il benessere psicofisico del minore, nonché di contrasto e prevenzione ai comportamenti di devianza sociale, all’abbandono educativo, all’istituzionalizzazione; supporto socio-pedagogico alla genitorialità.

L’istanza di ammissione al servizio deve essere presentata per iscritto dal genitore o dal tutore o l’esercente la potestà parentale del minore interessato, utllizzando esclusivamente l’apposito modello di domanda, avendo cura di produrre copia di un valido documento di riconoscimento del richiedente; copia della certificazione ISEE in corso di validità, copia del verbale di accertamento dell’invalidità e certificazione dello stato d handicap rilasciata ai sensi della legge 104/92 o altra certificazione medica specialistica attestante 1o stato di ridotta capacità logico-cognitiva o di certificazione attestante la condizione di DSA o BES.

Il modello di domanda è disponibile presso gli uffici Servizi Sociali dei Comuni facenti parte del Distretto 23 nei giorni e nelle ore d’ufficio ed è scaricabile dai siti istituzionali dei Comuni del Distretto 23. La domanda deve essere presentata all’ufficio Servizi sociali del Comune di residenza entro le ore 12 del 7 maggio 2021.

 


Condividi l'articolo su: