E’ definitiva l’aggiudicazione della gara per i lavori della nuova rete di illuminazione del Comune di Nicosia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 24 Giugno 2021

E’ divenuta definitiva l’aggiudicazione della gara per i lavori della nuova rete di illuminazione del Comune di Nicosia. Ci sono voluti per 4 verbali dell’Urega di Caltanissetta ed Enna per aggiudicare ala dita vincitrice i lavori che presumibilmente inizieranno nell’estate 2021. Nicosia sarà una della prime “smart city” in Sicilia .

Il 22 marzo si era svolta presso la sede di Enna dell’Urega la gara per l’assegnazione dei lavori per l’adozione di soluzioni tecnologiche al fine di ridurre i consumi energetici della rete di illuminazione pubblica del Comune di Nicosia, con l’installazione di sistemi automatici di regolazione e l’utilizzo dell’infrastruttura, al fine di erogare servizi orientati alle “smart cities”. Alla gara parteciparo 143 ditte, l’importo a base d’asta fu fissato in 2.667.082,51 euro, a cui vanno aggiunti gli oneri della sicurezza ed il costo della manodopera per oltre 450 mila euro. Dopo l’apertura delle buste, la commissione di gara ha aggiudicato i lavori all’ATI Siemi snc Gp Costruzioni sas Oliveri Giuseppe, che aveva presentato la sua offerta con il ribasso del 28,287%, ovvero per l’importo complessivo di 1.946.544,85 euro.

La gara fu annullata per un errore nella procedura di assegnazione dei punteggi ed è stata risolta con una nuova aggiudicazione avvenuta il 16 aprile 2021. In questa quarto verbale di gara la ditta CLEM s.r.l. , con sede a Subiaco, in provincia di Roma, si è aggiudicata l’assegnazione dei lavori con il ribasso del 27,575% % sull’importo a base d’asta di 2.667.083,51 euro e quindi per il prezzo di 1.931.635,23 euro oltre il costo per la sicurezza di 33.899,25 euro, per un importo complessivo di 1.965.534,48 euro.

Il progetto è stato finanziato al Comune di Nicosia dalla Regione siciliana attraverso l’assessorato regionale all’Energia per un importo di 3.800.000 euro.

I lavori prevedono il rifacimento dell’impianto di pubblica illuminazione del Comune di Nicosia e della frazione di Villadoro, primo tra tutti i Comuni in Sicilia, che renderà all’avanguardia la città trasformandola in una vera e propria Smart City. Alla fine Nicosia e Villadoro avranno un impianto efficiente sotto il profilo della sicurezza, della resa luminosa e della riduzione dei consumi. Ne trarranno vantaggio le casse comunali grazie al dimezzamento dei costi, oltre al notevole risparmio sulle spese di manutenzione che saranno quasi azzerate.  Innumerevoli i benefici anche sull’impatto ambientale, debellando l’inquinamento luminoso, avendo rispetto e cura del nostro ecosistema.

L’innovativa gestione dell’impianto consentirà di monitorare in tempo reale eventuali malfunzionamenti e di regolare addirittura la luminosità.

Questo intervento permetterà la collocazione di molteplici apparecchiature di video sorveglianza, filodiffusori (altoparlanti), hotspot wifi, pannelli informativi digitali, colonnine di ricarica per la mobilità elettrica, stazioni meteo, strisce pedonali intelligenti, ecc.

Il progetto esecutivo è stato redatto dall’Ufficio tecnico comunale di Nicosia. Un progetto fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Nicosia il cui intero iter è stato seguito dall’assessore Nando Zappia.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it