Enna, arrestato dalla Polizia di Stato un corriere di droga con oltre mezzo chilo di hashish – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Enna e del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, nel corso del fine settimana appena trascorso, hanno tratto in arresto il 39 enne pregiudicato ennese P.G., per aver trasportato quasi 600 grammi di hashish.

L’uomo, infatti, è stato notato in autostrada alla guida di un’autovettura (verosimilmente) proveniente da Palermo. I suoi precedenti penali facevano presumere che potesse trasportare droga e per tale motivo l’automezzo veniva seguito e successivamente bloccato all’uscita dello svincolo di Enna dell’A/19.

L’uomo, che risultava privo di patente di guida, non sapeva giustificare in alcun modo la condotta contraria al Codice della Strada e non forniva alcuna valida motivazione o giustificazione rispetto alla provenienza dal capoluogo regionale.

Gli agenti, pertanto, decidevano di approfondire la verifica e, durante l’accurata ispezione del veicolo, notavano il sedile anteriore del passeggero con delle leggere “sbavature di colla”. Ampliando ulteriormente il controllo, veniva accertato che il conducente aveva modificato il sedile, ricavandone un vano, all’interno del quale era stata celata la droga. Il corriere, dalle modalità oggettive accertate dagli investigatori, parrebbe certamente aver maturato una discreta esperienza in questa condotta illecita, poiché, dopo aver occultato la droga, ha richiuso il sedile utilizzando della colla a caldo.

L’abilità degli uomini della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. Piazza Armerina ha però permesso di rinvenire, all’interno del sedile modificato, due panetti di hashish per un peso complessivo di quasi 600 grammi, sostanza stupefacente che avrebbe consentito agli spacciatori di ricavare circa 6.000 euro.

Il soggetto, concluse le minuziose perquisizioni personale e domiciliare, veniva accompagnato presso gli uffici di polizia, dove il personale della Polizia Scientifica ha proceduto agli accertamenti sull’identità personale. Al termine delle attività di polizia giudiziaria e dopo le formalità di rito, è stato tratto in arresto e posto a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna per gli ulteriori adempimenti procedurali.

La droga, opportunamente sequestrata, è stata analizzata dai tecnici dello stesso Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, sostanza stupefacente che, come disposto dalla magistratura, verrà distrutta secondo i rituali protocolli.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: