Enna, concluso il percorso di sana alimentazione a scuola

Condividi l'articolo su:

Con la manifestazione del 3 giugno nella piazza Mazzini di Enna, si è concluso  il “Percorso di  Sana Alimentazione” per i plessi scolastici di scuola primaria  “Santa Chiara” e “Sant’Onofrio”, dell’Istituto comprensivo “Santa Chiara”, diretto dal dirigente scolastico Maria Concetta Messina.

Il progetto è stato condotto, durate l’anno scolastico 2018/2019, dal servizio di Medicina Scolastica e dagli operatori del progetto FED (Formazione, Educazione e Dieta Mediterranea) dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna, diretta da Francesco Iudica.

All’inizio dell’anno scolastico sono stati distribuiti agli alunni di tutte le terze e quarte classi i diari alimentari per evidenziare il reale bisogno e le abitudini alimentari. L’analisi dei diari ha permesso di orientare gli incontri nelle classi da parte degli operatori FED, Sabrina Benvenuto, Rosanna Macaluso, Concetta Trummino e dal dottore Rosario Colianni, responsabile dell’Unita Operativa di Medicina Scolastica, con la collaborazione delle insegnanti.

Successivamente, nell’arco dell’anno scolastico, i bambini hanno elaborato i cartelloni sulla sana alimentazione, alcuni dei quali portati in mostra a piazza Mazzini. La manifestazione è stato un momento di gioia con tanti giochi riguardanti la sana alimentazione accuratamente preparati delle maestre con il plauso da parte dei genitori intervenuti e degli operatori ASP.

Il progetto FED, diretto dalla dottoressa Gabriella Emma,  ha lo scopo di promuovere  la salutare dieta mediterranea come stile di vita con l’inscindibile valore della sana attività fisica.  Le insegnati che hanno partecipato attivamente al percorso sono state: Alda La Porta, Martia Carmela Maimone, Antonella Rivoli, Evelyn Nasca, Cettina Russo, Rita Cozzo, Marisa Vetri, Maria Malaguarnera, Margherita Cimino, Adele Tirrito, Maria Grazia Gulina, Licia Renna, Anna Perrino, Graziella Anfuso, Loredana Ronsisvalle, Floriana Bellomoa, Mariella Pignato, Francesca Bonasera, Angela Spina.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *