Enna, firmata la convenzione tra Comune e Asp per l’utilizzo dell’edificio storico dell’ex ospedale

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ stata firmata nei giorni scorsi la convenzione tra il Comune di Enna, rappresentato per l’occasione dal Sindaco Maurizio Dipietro e dal dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale, Ing. Nuccio Russo e l’Asp n. 4 di Enna, rappresentata dal Direttore Generale Dott. Francesco Iudica, che concede all’ente ennese l’uso dell’edificio storico del vecchio ospedale, nella parte alta della città. Grazie a questa convenzione, infatti, l’ala che ospitò la prima sede dell’ospedale di Enna, posta accanto alla Chiesa del Carmine e di grande pregio storico e architettonico, torna nella disponibilità della collettività ennese con un progetto di grande respiro sociale, quale quello di ospitare, grazie al fondamentale contributo della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, presieduta dal cittadino onorario Prof.  Emmanuele Francesco Maria Emanuele, un centro di assistenza per donne e minori vittime di violenza. Tutto ciò sottraendo al deterioramento del tempo una parte importante del patrimonio monumentale della nostra città e compiendo un deciso passo nel sostegno ai soggetti più deboli e indifesi.

Sono davvero lieto dell’intesa raggiunta oggi tra l’ASP ed il Comune di Enna – ha dichiarato il prof. Emanuele – perché quest’atto formale ci consente di avviare in concreto, congiuntamente all’Amministrazione comunale, un progetto al quale tengo particolarmente, ovvero la creazione di una Casa di accoglienza per le donne vittime di maltrattamenti e per i loro bambini ad Enna, città alla quale sono particolarmente legato. Si tratta di un’iniziativa che ritengo doverosa per un’istituzione, quale è la Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale che mi onoro di presiedere, da sempre attenta alle esigenze dei territori del Meridione con particolare riguardo alle gravi problematiche sociali, tra cui la violenza su donne e bambini, che affliggono la nostra epoca”.

Con questa firma – spiega il sindaco Maurizio Dipietro – muove i suoi primi passi il progetto nato grazie al supporto della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale volto a creare nella nostra città una struttura di accoglienza per donne e bambini vittime di maltrattamenti che sarà ospitata nei locali dell’edificio storico del vecchio ospedale a Enna alta. Questo atto consentirà alla nostra città di dotarsi di un punto di riferimento nella tutela dei diritti di donne e bambini in difficoltà grazie al fondamentale apporto, della Fondazione di cui è presidente Emmanuele Francesco Maria Emanuele, cittadino onorario ennese, mecenate e grande promotore di importanti opere benefiche in Italia e nel mondo. Ancora una volta il professore Emanuele torna così a prendersi cura della nostra città con un nuovo importante impegno a sostegno, in questo caso, delle donne e dei bambini vittime di maltrattamenti, consentendo altresì il recupero di un importante pezzo del patrimonio immobiliare storico della nostra città”.

Anche il direttore generale dell’Asp di Enna ha voluto commentare l’avvenuta firma sottolineando come “ci sia grande soddisfazione da parte dell’Asp che, di fatto, restituisce alla fruizione collettiva una parte di un bene storico che è un patrimonio pubblico a tutti gli effetti. In questo senso intendiamo continuare a procedere, affinché altri ulteriori parti del patrimonio immobiliare facente parte della struttura dell’ex ospedale possa tornare presto alla pubblica fruizione”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.